Excite

Giugno

Filtra per:
  • Tutto Excite 19
  • News 19
  • Foto 0

  • Video 0

  • Guide 0

  • Sondaggi 0

  • Paul Weller - Catch-Flame! Live at Alexandra Palace

    Etichetta: V2  -  Voto: 8,5
    Pezzi Migliori: You do something to me, That's Entertaiment, Peacock Suit...

    Paul Weller ha una vera passione per il palco. Ama profondamente, a differenza dei suoi idoli di liverpool, la dimensione live.

    Da sempre, infatti, gli album registrati in concerto segnano le tappe fondamentali della sua carriera. Ne ha fatto uno fatto con The Jam, uno con The Style Council ed anche quando, finalmente, critica e pubblico smisero di sottovalutare la sua carriera solista, nel 1994 pubblicò Live Wood, versione live del suo best seller Wild Wood dellanno prima.

    Quando lautunno scorso lho visto al Vox di Nonantola,  ricordo di aver pensato che forse i tempi erano maturi per il primo VERO album live della sua carriera post-Council e solo pochi mesi più tardi vengo accontentato con questo sublime doppio Catch-Flame!.

  • Danielson - Ships

    Etichetta: Secretly Canadian  -  Voto 7
    Brano Migliore: He Who Flattened Your Flame Is Getting Torched

    Incuriosito dalla recensione apparsa su EYE, mi sono procurato Ships dei Danielson e lho messo sul giradischi con unaspettativa altissima. In quelle righe si cita, tra le influenze del gruppo,  Animal Collective e Sufjan Stevens (anche collaboratore nel disco) e questo tanto è bastato a muovere la mia curiosità che, devo dire, è stata appagata più di quanto mi aspettassi.

  • Tool - 10.000 Days

    Etichetta Sony/BMG - Voto 7

    Pezzi migliori: Wings for Marie; 10,000 days

     

    Ascoltare i TOOL non è impresa semplice. Dietro al loro ROCK si cela sempre qualcosa che va ricondotto allarte. Ogni loro canzone vive di elementi vari che sono, sì, musica e parole ma anche studio, racconto, passione, teatro, arte

    Il primo ricordo che ho di loro è lontano 13 anni e si chiama Sober, un pezzo straordinario che trainava il loro primo album Undertow. Cupo, melodico, intenso e bellissimo. Visto lanno (1993) è stato facile per molti (me compreso) confonderli allora col calderone del grunge, sebbene in realtà nelle loro proposta ci fosse qualcosa che andava ampiamente in contrasto con la corrente rock di Seattle. TOOL erano, fin dagli esordi, decisamente più arty, complessi, piacevolmente dark, con un sapore intellettuale di fondo che li elevava di una spanna non solo sui colleghi del grunge ma anche su quelli più consolidati del metal.

  • Joan As Police Woman - Real Life

    Etichetta: Reveal  -  Voto: 6,5

    Pezzo migliore: Christobel

     

    Joan As Police Woman è in arrivo in Italia per una serie di concerti.

    Andate a sentirla se vi capita a tiro perché il suo album desordio Real Life, che esce in questi giorni, è gradevolissimo anzichenò.

    Unico problema: vi deve piacere anche Battiato. Non tanto perché le canzoni di Joan ricordino lopera del siciliano, quanto per il fatto che tre delle sue quattro date italiane  sono programmate come opening stage per gli spettacoli che Battiato terrà in Italia con lOrchestra Regionale Toscana.

    Lei, Joan, è un personaggio da tenere docchio, Un piccolo talento naturale che finalmente, dopo anni di gavetta fatta sul campo come session man (oddiosi dirà session woman?) arriva a pubblicare un attesissimo primo album tutto suo.

  • Enrico Terragnoli Orchestra Vertical - L'anniversaire

    Etichetta: El Gallo Rojo - Voto: 9
    Pezzi migliori: L'anniversaire, Valentine

    E un bel mondo quello dellOrchestra Vertical di Enrico Terragnoli.Un mondo che oggi può entrare nelle case di tutti grazie allottimo esordio discografico Lanniversaire.
    E un universo parallelo, ipnotico e daltri tempi, di bella vita e boheme, di Parigi e di Dakar, di odalische e ampi diametri del centramerica.

  • Scott Walker - The Drift

    Etichetta: 4AD   - Voto 8,5

    Brano migliore: Clara

     

    Scott Walker è un artista di grande esperienza. Vi basti pensare che tra i molti che militano nella musica alternativa è uno dei pochi ad avere esordito agli albori del vinile, negli anni 50 con una multinazionale, per arrivare a pubblicare il suo nuovo album in epoca del digital download su unetichetta indipendnte. La  sua prima grande affermazione coincide con la nascita dei Walker Brothers (64), brothers-band dedita a un pop per teenagers che traeva ispirazione tanto dalle pagine del rhythm&blues della Motown quanto dal muro del suono di Phil Spector.

  • Scritti Politti - White Bread Black Beer

    Etichetta: Rough Trade  - Voto 6,5

    Brano migliore: The Boom Boom Bap

     

    Che ci crediate o meno, Scritti Politti hanno fatto un nuovo album e Che ci crediate o meno, è un disco molto carino.

    Realizzato in quasi solitudine da Green Gartside con lausilio di Reason, strabiliante software della Propellerheads, White bread Black Beer è un album leggero e convincente, talmente riuscito da far dimenticare la genesi elettronica che lo ha generato.

    La vocalità chic di Gartside appare ancora fresca e la sua timbrica unica e immutata torna a caratterizzare una manciata di pezzi rendedoli affascinanti e personali pur senza cedere alla tentazione delleffetto nostaglia.

  • Zero Assoluto, nuovo sito e nuovo singolo

    Sono senza dubbio la band del momento. Li ascolti per radio, li guardi in tv, li trovi su internet.
    Come ti giri, spuntano loro.
    Non che questo sia un difetto, per carità. Avere successo, del resto, ha numerosi vantaggi e solo qualche pecca. Una fra tutti, quella piu' pericolosa: l'overdose di visibilità.

  • Primal Scream - Riot City Blues

    Etichetta: Sanctuary -  Voto 4

    Bran migliore: ----

     

    E evidente: Primal Scream hanno deciso di autoestinguersi. Non vedo altra spiegazione per dare alle stampe un disco brutto come Riot City Blues.

    Siamo ancora là, a fare il verso ai Rolling Stones degli anni 60 per sembrare ancora più patetici dei Rolling Stones di oggi? Magari fosse solo questo! Come se non bastasse, qui e là  si azzarda a qualche imitazione ancora più cult come The Doors (Little Death) o Bob Dylan (Sometimes I Feel so Lonely) a evidenziare livelli ben più che patetici.

  • Grandaddy - Just Like Fambly Cat

    Etichetta: V2 Ada -  Voto 6

    Bran migliore: Rearview Mirror

     

    La saga Grandaddy chiude dunque ufficialmente i battenti. Così ha dichiarato in numerosi comunicati stampa il suo artefice Jason Lytle (Su Ebay è addirittura possibile comperare alcuni cimeli di cui vuole sbarazzarsi in virtù della sua decisione).

    Se questo Just Like Fambly Cat sia da considerare un album postumo o lultimo atto, però, non è dato sapere. Ciò che è sicuro è che Lytle tornerà con altre formule ed altri nomi che potranno bearsi di un passato e di unesperienza di tutto rispetto come quella che si chiude con questo album.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017