Excite

Addio a Gino Latilla, voce dei Sessanta

  • Wikipedia

È morto la mattina di domenica 11 settembre, all'ospedale fiorentino di Santa Maria Nuova, Gino Latilla (il primo a sinistra nella foto d'epoca), nome d'arte di Gennaro Latilla. Era nato a Bari il 7 novembre 1924.

Latilla, figlio d'arte (il padre Mario era stato un famoso cantante), esordì negli anni della seconda guerra mondiale al teatro Manzoni di Bologna con Mailù. Vinse qualche anno dopo il Festival di Sanremo, precisamente nel 1954, con Tutte le mamme. Proprio a Sanremo, due anni prima, aveva conosciuto Carla Boni, la cantante di Mambo italiano, che nel 1958 sposò e dalla quale ebbe due figli prima della separazione. Il nome di Latilla, in precedenza, era stato avvicinato anche a Nilla Pizzi. Negli anni Cinquanta fu uno dei protagonisti della musica italiana prima di entrare come dirigente in Rai.

Un mondo, quello della musica, che Latilla lasciò ai primi anni Sessanta per poi tornare a cantare negli Ottanta, anni di riflusso e di revival dopo i rallentamenti e i rivolgimenti legati al 1968. Proprio in quel decennio fondò il gruppo Quelli di Sanremo con Nilla Pizzi, Carla Boni e Giorgio Consolini. Fra i suoi tanti successi, il duetto con la Boni nella famosissima Casetta in Canadà, Timida serenata, Il mare in un cassetto con Milva, Vecchia Europa con il Quartetto Cetra. Tra gli altri successi, si ricordano Amico tango, Tchumbala bey, Marietta monta in gondola e Serenatella sciue' sciue'.

Il suo nome è presente nella lista degli appartenenti alla loggia massonica P2 ritrovata nel 1981 nella proprietà la Giole di Licio Gelli (tessera n. 41).

Carla Boni e Gino Latilla - Casetta in Canadà

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017