Excite

Albert Hammond Jr. - Yours to Keep

Yours to Keep

Etichetta: Rough Trade   -   Voto: 7,5

Brano migliore: Call an Ambulance

 

Ci ho messo un po prima di decidermi ad ascoltare lesordio solista di Albert Hammond Jr. Ero un po prevenuto a causa dalcune sue dichiarazioni riguardo alla necessità di pubblicare le canzoni che il resto della band (se non lo sapete Albert è il chitarrista di The Strokes) gli ha rifiutato al momento di compilare la scaletta per il terzo album. Sentita così, come la presentazione di una raccolta di scarti, datemene atto, non fa venire tutta questa voglia di ascoltarlo.

Poi, però...

di Joyello

Poi però, Yours To Keep è arrivato e, seppure con la mia persistente riluttanza, la puntina ha cominciato a fare il suo dovere liberando una musica assolutamente gradevole.

Dieci canzoni semplici e graziose che, lasciatemelo dire, potevano tranquillamente entrare in First impressions con buona pace di tutti.

Sono brevi esempi di musica leggera della miglior scuola pop-rock: si va dallinfluenza west coast, tanto amata in famiglia (papà è quellAlbert Hammond che ha scritto It never rains in California) fino alle passioni per la new wave dei Television e le strizzatine docchio a Byrds e a John Lennon (che, silosò che non centra ma tra i vari collaboratori dellalbum cè anche suo figlio Sean).
Come da tradizione strokesiana, anche il disco solista di Albert Hammond Jr., supera di poco la mezzora:  34 minuti di passione e dedizione che lasciano sbalorditi e piacevolmente colpiti. Ci sono brani che fanno fischiettare, altri che fanno battere il piede ed anche, lasciatemelo dire, un paio di autentici gioielli (Call an Ambulance e 101) che forse faranno pentire The Strokes per lavventatezza.

A me The Strokes piacciono. E loro il merito di aver sdoganato la canzonetta da tre minuti. Un metodo che sera un po perso e che ha dato il via a tutta quella rinfrescante corrente pop-rock che ha sbaragliato le classifiche di mezzo mondo negli ultimi anni (dai Franz Ferdinand ai Bloc Party). Lunica cosa che mi è sempre dispiaciuta è stata notare un inspiegabile bisogno dei membri (tutti e cinque!) di primeggiare, quasi a dover imporre una supremazia finalizzata alla futura carriera solista. Capricci da primadonna che se fossero stati lasciati qualche volta in disparte avrebbero potuto portarci, e a dimostrarlo è proprio Your to Keep, un terzo disco del gruppo di molto più bello di quanto già sia Certo avremmo dovuto rinunciare a questepisodio solista di Hammond Ed io francamente non saprei scegliere.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017