Excite

Alex Britti torna con il nuovo album 'In nome dell'amore' e canta contro la violenza sulle donne

  • Youtube

Nuovo album per Alex Britti che torna ad imbracciare la sua chitarra elettrica per la prima parte di un nuovo disco di inediti “In nome dell’amore parte 1” uscito il 20 novembre (la cui seconda parte dovrebbe uscire per marzo 2016) in cui mischia sonorità blues con il “democratico” pop, a due anni dall’ultimo album del 2013 Bene così.

Zucchero, ritorno con un album nel 2016 e tour mondiale che parte dall'Arena di Verona

E nella tracklist del suo nuovo album trovano spazio anche brani di imminente attualità come la canzone “Perché?” scritta per dire no alla violenza sulle donne, in collaborazione con WeWorld, una Ong mondiale che lavora da oltre 15 anni per difendere i diritti di donne e bambini in Italia e nel mondo.

E il singolo, che arriva quasi in contemporanea con il giorno dedicato a contrastare il femminicidio, è corredato da un video ambientato a Cinecittà per la regia Ivano De Matteo per sostenere la campagna di sensibilizzazione di WeWorld in cui hanno partecipato Carolina Crescentini, Massimiliano Bruno, Francesco Montanari, Michela Quattrociocche, Anna Ferzetti, Andrea Delogu, Rolando Ravello, Caterina Shula, Luca Lionello, Giulia Elettra Gorietti, Gian Marco Tognazzi, Fabrizia Sacchi e Vincent Riotta.

E riguardi al brano apripista del nuovo album, Alex Britti racconta: “La canzone mi è venuta esattamente com’è, non l’ho scritta a comando, perché qualcuno me l’avesse chiesto. Sono stato lusingato che We World l’abbia voluta, credo sia importante che il messaggio arrivi a più persone possibile e che i soldi ricavati servano davvero per aiutare qualcuno. Non faccio promozione al singolo, non ci sono concerti per lanciarlo, non voglio che ci sia confusione, non vado in giro a guadagnare su una canzone come questa, i soldi vanno tutti a We World, che io aiuterò anche in una raccolta fondi. Dopo penserò alla promozione del disco”.

(Guarda il video di Alex Britti "Perchè?" contro la violenza sulle donne)

Un nuovo progetto, quello di Alex Britti che si avvale di estrema libertà, come ha spiegato lui stesso ai microfoni di Repubblica: “E’ il mio secondo disco da indipendente, e questo fa si che ci sia un’altra dinamica, un’altra libertà. Per prendere una decisione fai solo tre telefonate, con una major è tutto più complesso e difficile. E soprattutto se non se non sei fatto in un certo modo le major di oggi non ti aiutano. E in questa nuova libertà ho ripreso la chitarra elettrica, e mi ha fatto bene”.

In una costante ricerca di nuove sperimentazioni di carattere anche internazionale, l’album “è elettronico, ma è tutto suonato” come spiega Britti, “Voglio dire che non c’è di sicuro chi ha premuto un tasto per l’arrangiamento automatico – spiega - c’è stato un bel lavoro di ricerca, sui suoni, sulle atmosfere. A me la musica di oggi piace, ascolto molta elettronica, uso le casse bluetooth e i vinili per suonare Kind of Blue che ormai e consumato e i file di Matthew Herbert o degli Aphex Twin. Voglio dire che, alla fine, quello che conta sono le idee, la musica deve appassionare, sorprendere, catturarti, importa poco con quali strumenti è suonata”.

Fra gli altri brani, due sono scritti da Zibba (Ti scrivo una canzone e Da questa parte del mondo), uno da Francesco Bianconi dei Baustelle con Kaballà (5 petali di rosa) per un connubio a 360 gradi con la musica autoriale italiana. Ecco dunque la tracklist di “In nome dell'amore vol. 1” di Alex Britti:

1 - In nome dell'amore

2 - Perché?

3 - Ti scrivo una canzone

4 - Un attimo importante

5 - Cinque petali di rosa

6 - Da questa parte del mondo

7 - Tra il Tevere e il blues

8 - Ti scrivo una canzone (lounge)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017