Excite

Beady Eye: Liam Gallagher annuncia lo scioglimento della band, tornano gli Oasis?

  • Getty Images

E' bastato un tweet, uno schiocco di dita, meno di 140 caratteri per porre la parola fine alla storia dei Beady Eye. A farlo, con un laconico "I Beady Eye non esisteranno più. Grazie per il supporto", neanche a dirlo, è stato Liam Gallagher, eclettico quanto rude frontman del gruppo britannico formato nel 2009 dalle ceneri degli Oasis. Una notizia che arriva si improvvisa, ma non coglie del tutto impreparati visto che la band, finito il tour lo scorso marzo, ancora non aveva fatto ritorno in studio. Una pausa annunciata da Liam come necessaria anche per il pubblico, ma che ora si è trasformata in un brusco addio.

Nato in una notte d'estate di qualche anno fa al momento dell'addio di Noel Gallagher agli Oasis - addio avvenuto tra l'altro poco prima di un concerto della storica band britannica al Rock en Seine di Parigi- il progetto musicale dei Beady Eye è riuscito ad ottenere buone risposte da pubblico e critica nonostante comunque raccogliesse un'eredità pesante come quella del gruppo più importante della musica britpop.

Il loro disco d'esordio pubblicato nel febbraio 2011 e, non a caso, intitolato "Different Gear, Still Speeding", seppur palesasse la mancanza di Noel come autore di testi e chitarrista, stupì i più per la nuova vena mostrata da Liam, definito "il miglior Liam dai tempi di "(What's the Story) Morning Glory?" (datato 1995). L'album superò le aspettative della critica entrando tra i primi 5 della classifica UK mentre il singolo "Bring the Light" ricevette recensioni entusiaste. Il tour successivo, nel quale la band prese l'abitudine di suonare anche alcuni pezzi degli Oasis, confermò il successo. Tutto questo, unito alla forza trainante dell'immagine di Liam portò i Beady Eye al momento di maggiore esposizione il 12 agosto 2012 quando suonarono "Wonderwall" in occasione della cerimonia di chiusura dei giochi olimipici di Londra.

Guarda i Beady Eye suonare "Wonderwall" nella cerimonia di chiusra delle Olimpiadi di Londra 2012

L'anno successivo Liam ed i suoi compagni (Gem Archer, Andy Bell ed il batterista Chris Sharrock) sono tornati con un nuovo disco, il secondo: BE. L'album, così come i due singoli estratti "Flick of the finger" e "The second bite of the apple", entrò nelle classifiche UK mostrando la volontà di trovare la propria direzione più che cercare un balzo in avanti. Con quel tweet di Liam, però, forse oggi, oltre a sperare in una difficile reunion degli Oasis, capiamo che quella direzione già è stata battuta da qualcuno in passato e che, in fondo, forse proprio nel loro momento più alto (alle Olimpiadi) ed in quel "Wonderwall" giace la crepa dei Beady Eye.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017