Excite

Belen Rodriguez a Sanremo dopo il test antidroga

Il cast di Sanremo 2011 è stato confermato. Al timone della kermesse ci sarà Gianni Morandi accompagnato da Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez con l'incursione de Le iene Luca e Paolo. Nonostante i ritardi, la macchina sanremese è stata messa in moto ma c'è ancora un piccolo problema: bisogna chiarire se la soubrette sudamericana è ancora coinvolta nel giro della droga.

Le dichiarazioni rilasciate qualche anno fa da Belen sull'uso di stupefacenti sono emerse da poco tempo, minando la sua partecipazione alla manifestazione canora. La ragazza ha sempre ammesso di aver smesso di sniffare ma Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega per la lotta alla droga, vuole che la modella faccia il test antidroga. In un'intervista al settimanale 'A' ha dichiarato:

'Belen? Prima di condurre Sanremo accetti di fare il test. Dimostri che con la droga non ha nulla a che fare. Sarebbe un bel segnale per i nostri giovani e l'Italia seria apprezzerebbe. Io dico: se sei drogato, niente contratto'.

Una proposta che fa molto discutere: 'Pongo un problema vero, reale. E credo che insieme a me dovrebbero porselo anche i vertici della tv pubblica. Mauro Masi, il direttore generale della Rai, ha parlato del festival e ha promesso che sarà attento a costi e a protagonisti. Beh, credo che di fronte a un no di Belen una valutazione più approfondita andrebbe fatta'.

La sua battaglia, però, non si ferma a Belen, il Sottosegretario vuole far fare la 'pipì' anche ad altri conduttori: 'Chi prende soldi dalla tv pubblica deve fare il test: conduttori, giornalisti, presentatori. Vedrete, farò fare pipì a Giovanni Floris e Michele Santoro, Mario Orfeo e Bianca Berlinguer, Antonella Clerici e Massimo Giletti. Tutti in fila a fare il test: senza guardare in faccia a nessuno, senza preoccuparmi di quanto guadagnano e di chi sono amici'.

'E chi risulta positivo va in panchina. Subito in panchina. Altrimenti qualcuno mi dovrà spiegare perché un tennista che si droga non può più giocare e un conduttore può ancora condurre'.

In attesa di scoprire se la sua proposta verrà accettata, spunta anche il problema dei compensi, che rischia di far saltare di nuovo il 'pacchetto Morandi'. Pare che il cantante abbia chiesto un milione e mezzo di euro, mentre la Rai gli ha proposto un cachet pari a quello dello scorso anno: 900 mila euro, mai confermati da Antonella Clerici.

Mauro Masi ha assicurato: 'Sarò attentissimo affinché i costi del prossimo Festival siano in linea con le compatibilità generali del bilancio della Rai e affinché i contenuti e i protagonisti siano coerenti e compatibili con la missione di servizio pubblico'.

 (foto © LaPresse)

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017