Excite

Bjork - Medulla

Etichetta: Universal - Voto: 8.5
Brano Migliore: Triumph Of A Heart

Medùlla significa Midollo.
A questo punto potrei inventarmi un panegirico sui "per cosa" e i "per come" questo concept abbia influito sulla realizzazione dell'ultimo disco dell'elfetta islandese.
Potrei , ma non è il caso: ci si chiede il perchè di un disco solo quando si vuole trovare giustificazione al disco stesso.
Quindi: Medùlla significa midollo (giuto per saperlo), ma questo poco importa.



Importa invece sapere che Bjork , in questo disco, ha portato a termine, o sta portando a termine, il percorso iniziato da Vespertine (penultimo album) che prevede la de-costruzione (o, in termini meno intellettualeggianti, distruzione)del pop in senso lato: al fine del prodotto poco importano le collaborazioni celebri con Mike Patton (leader dei Fait no more, Mr. Bungle e Phantomas) o Robert Wyatt (guru dell'introspezione musicale) o gli apporti delle varie beat machine umane (Dokaka in primis).
Perchè Medùlla è solo ed esclusivamente Bjork ; il resto è solo strumentazione.
Ed è la Bjork che oramai ha dato quel che il pubblico voleva e ora può permettersi di dare al pubblico quel che vuole lei.
Un disco egocentrico a tratti inascoltabile, doloroso.
Quindi, a mio giudizio, un buon disco.
Se la melodia semplice , il singolino patinato, le canzoni da tenere in sottofondo mentre si legge o si guida fanno di un disco un buon disco allora vi consiglio di fermarvi alle prime righe di questa recensione e, convinti delle mie parole, investite i soldi in una compilation dell'Hotel Costes.
Ma se cercate da un disco quel che si cerca da un'opera d'arte, ossia il dover "masticare" per assimilare, la complessità e la necessaria attenzione e contemplazione, allora vi consiglio vivamente l'acquisto di questa piccola perla.
E' difficile, lo ammetto, poter parlare di un disco come questo in termini positivi se si guarda il tutto da una prospettiva commerciale o comunque tradizionalista:14 tracce di cui, sotto quest'ottica, non salverei nulla o quasi (forse il singolo Who is it che già si colloca borderline).
Ma , fortunatamente, non tutte le recensioni devono tenere conto del TV sorrisi e canzoni: dedicarsi Medùlla significa passare oltre il sentire per giungere alla sublime fruizione propria dell'ascoltare.
Cercare di sviscerare e capire , comprendere messaggi e sensazioni ,assaporare ogni singola vibrazione nervose : questo è quello che Medùlla offre in cambio di tempo e attenzione.
Perchè ascoltare è esattamente come leggere o guardare.
Per chiosare non mi resta che passare alla sintesi del giudizio che però, in questa circostanza, non può trovare manifestazione in un singolo voto.
Un disco, come ho ribadito, difficile e multifaccettato che, se mi consentite, è accostabile alle opere teatrali di Pirandello.
Ed è proprio in Pirandello che trova la sua descrizione ideale.
Bjork-Medùlla-: Così è, se vi pare.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017