Excite

Bob Dylan, mezza delusione in Cina

Mezzo flop sarebbe troppo. Ma anche trionfo, forse, potrebbe rivelarsi un termine poco adeguato. Accoglienza a dir poco tiepida e diversi biglietti invenduti per il debutto di Bob Dylan in Cina, al Worker's Gymnasium di Pechino, la prima volta in assoluto nel paese per il menestrello di Duluth, mito assoluto della musica mondiale. Vestito con un abito nero e un cappello stile panama grigio, Dylan ha eseguito un repertorio molto 'blues oriented' e ha ottenuto grandi applausi solo durante Hard Rain.

'Bob Dylan è molto popolare in Cina, i suoi dischi vengono venduti qui da molti anni', ha detto uno dei promoter dei concerti per salvare il salvabile, ma a quanto pare il 20% dei posti disponibili per lo show di Pechino è rimasto invenduto, nonostante una larga copertura dell'evento da parte dei media del regime, che avevano dunque sdoganato mister Zimmermann dopo anni di tira e molla.

Dylan, che la prossima settimana celebrerà i 50 anni dal primo concerto, tenuto a New York l'11 aprile del 1961, proseguirà il tour asiatico esibendosi venerdì a Shangai, domenica a Ho Chi Minh City, in Vietnam, e poi a Hong Kong per altri due spettacoli. Il cantante aveva tentato di effettuare il breve tour l'anno scorso, ma le autorità gli avevano negato il permesso. Il ministero della Cultura cinese ha fatto sapere che l'autorizzazione stavolta è stata concessa 'strettamente in accordo con un programma concordato'. Sarà stata forse questa 'pettinatura' della scaletta o il fatto che per due ore Dylan non ha praticamente rivolto la parola al disciplinato pubblico cinese se non per presentare i suoi musicisti, ad aver disinnescato la sua carica passionale.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019