Excite

Caparezza - Fuori dal Tunnel, il testo

Caparezza è il protagonista del momento. Non solo per il suo look inconfondibile o per il successo di vendite del suo secondo album "Le verità supposte". Il motivo è da tutt'altra parte.
Michele Salvemini, questo è il suo vero nome, sta confluendo tutto il suo talento e i suoi successi in un singolo che ultimamente va per la maggiore, "Fuori dal tunnel". Un pezzo ritmicamente ineccepibile, trascinante e assolutamente gradevole, talmente gradevole che ormai fa da colonna sonora a tutti i programmi più seguiti della tv (targata Mediaset), dal Grande Fratello ad Amici di Maria De Filippi.

CapaRezza, forse ingenuamente, forse subdolamente, ha lanciato un proclama sul suo sito internet affinchè cessi questa inarrestabile mania di "Fuori dal Tunnel", una mania che avrebbe portato a male interpretare il vero significato del pezzo. (per saperne di più, cliccate qui).
Se eliminiamo le polemiche, resta il pezzo, bello, accattivante, con un spunti lirici per nulla scontati. Eccovi il testo integrale:

CapaRezza - Fuori dal Tunnel
Sono fuori dal tunnel del divertimento (x2).
Quando esco di casa e mi annoio sono molto contento.
Quando esco di casa e mi annoio sono molto più contento...
Di te che spendi stipendi stipato in posti stupendi tra culi su cubi succubi di beat orrendi
succhi brandy e ti stendi, dandy, non mi comprendi, senti, tu non ti offendi se ti dico che sei trendy,
prendi me, per esempio, non mi stempio per un tempio del divertimento essendo amico di Baldan Bembo
sono "un silenzio che può diventare musica" se rimo sghembo su qualsiasi tempo che sfrequenzo.
Collaudo l'autoradio, nell'auto cauto resto faccia a faccia con una focaccia, altro che lauto pasto.
Capomastro, con validi manovali ricostruisco gli argini di una giornata ai margini della disco e mi stupisco
quando si uniscono al banchetto che imbastisco che dopo mischiano il brachetto e non capisco
com'è che si finisce a parlare di Jeeg Robot e delle "Strade di San Francisco".
Sono fuori dal tunnel del divertimento (x2).
Quando esco di casa e mi annoio sono molto contento.
Quando esco di casa e mi annoio sono molto più contento...
Mi piace il cinema e parecchio, per questo mi chiamano vecchio, è da giovani spumarsi e laccarsi davanti allo specchio?
Sono vecchio, punto, e prendo spunto dal tuo unto ciuffo, mi sento stretto come quando inchiappetto un puffo.
"oooh, io odio Caparezza..."
Sbuffo pensando a serate tipo del tipo "Che facciamo?" Io ho una Tipo di seconda mano che mi fa da pub, da disco e da divano,
sono qua, come un allodola questo è il mio ramo.
Io, immune al pattume della tv di costume, in volo senza piume in un volume di fumetti sotto il lume,
non c'è paragone basta una birra in fermentazione e la tipa in fibrillazione per la nuova posizione.
M'attizza la zizza piena, mi delizia la tizia oscena, ho fame, no problema se se mi sfizia la pizza a cena.
Serate a tema ben accette, salame a fette spesse, vhs e se non bastasse su le casse.
Sono fuori dal tunnel del divertimento (x2).
Quando esco di casa e mi annoio sono molto contento.
Quando esco di casa e mi annoio sono molto più contento...
"Gli incontri, gli scontri, lo scambio di opinioni, persone che son fatte di nomi e di cognomi,
venghino signori, che qui c'è il vino buono,
le pagine del libro e le melodie del suono,
si vive di ricordi, signori, e di giochi,
di abbracci sinceri, di baci e di fuochi,
di tutti i momenti, tristi e divertenti, e non di momenti tristemente divertenti."
...io lo vorrei rifare...

In rete:
-
Alcune foto di CapaRezza su Excite Search
-
I siti web dedicati al cantante
-
Il suo sito ufficiale

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017