Excite

Capitani Coraggiosi: Claudio Baglioni e Gianni Morandi sotto lo stesso cielo. Racconto di un concerto

  • Facebook, foto by Angelo Trani

Buio sul Centrale del Foro Italico di Roma: inizia il concerto, inizia la musica, inizia lo show. Luci verdi, rosse, viola si accendono su una scena essenziale e moderna, dove c’è spazio solo per gli strumenti e per i musicisti: ciascuno è protagonista del suo palco. Eccoli, i capitani coraggiosi: Claudio Baglioni e Gianni Morandi entrano sulle note della loro nuova colonna sonora. Una canzone nata da una chiacchierata e un’idea, dalla curiosità di costruire insieme.

Cosa succede quando i fan di Baglioni e di Morandi si incontrano sotto lo stesso cielo? Succede che migliaia di ugole, dai 10 ai 70 anni circa, cantano ogni parola di ogni canzone. Il pubblico è sceso in campo: platea e spalti sono protagonisti di una partita perfetta: Claudio e Gianni si passano la palla da veri fuori classe. Baglioni canta Morandi e Morandi canta Baglioni.

Assoli e duetti si alternano a scenette fatte di ricordi e di tanta storia di musica italiana. Perché quando c’era un ragazzo che come Gianni amava i Beatles e i Rollings Stones ma poi finì a far la guerra nel Vietnam, Claudio di domenica mattina, a mercato già svegliato, in licenza era tornato. Ed ora è qua.

Claudio Baglioni e Gianni Morandi, debutto in grande stile per “Capitani Coraggiosi”

La scenografia è luce e così, sulle gradinate alle spalle dei “capitani”, scende la pioggia, ma che fa se poi si accende un tramonto rosso da sabato pomeriggio?

Tra gli aneddoti di Baglioni e del suo completo rosa e azzurro (da confetto unisex, dice lui) durante un concorso di voci nuove e di Morandi e delle “calunnie” sulle sue mani grandi, tre ore di concerto non bastano a chi ha ancora voglia di dare voce all’emozione insieme ai suoi capitani.

Ma chi sono i capitani coraggiosi? “Sono gli uomini che s’incamminano verso un’impresa e vanno in mezzo alla tempesta ancor prima che la pioggia smetta di cadere”, raccontano sul palco. È la grande metafora del viaggio della vita, del tempo, della dignità di essere uomo. Il vento soffia e non si ferma, come la musica. Perché la musica è sempre, la musica è adesso: la vita è adesso.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017