Excite

Cristel Carrisi: "In Italia niente raccomandati"

Prima di cominciare a sezionare chirurgicamente i dieci concorrenti di Sanremo Nuova Generazione, c'è da registrare l'ennesima anomalia di un Paese ormai accartocciato su sé stesso. E cioè la figlia di un cantante, che ha fatto la sua onesta carriera ma ormai da tempo in età da pensionamento, che – una volta scartata dalle selezioni per la sezione giovani della kermesse liguri – se ne fa vanto e ammette che 'l'eliminazione a Sanremo l'ho presa benissimo. Per me Sanremo era una scorciatoia per fare ascoltare i miei brani, ora il disco uscirà comunque, percorrerò un'altra strada'. Parola della terzogenita di Albano, Cristel Carrisi, a Tatami, la trasmissione condotta da Camila Raznovich in onda domenica prossima su Raitre.

'Per quello che è il mio caso, l'Italia non è un Paese di raccomandati, lo provo sulla mia pelle - ha spiegato Cristel - per presentarmi a Sanremo non ho usato neanche il cognome Carrisi. Le raccomandazioni esistono, magari si riesce a ottenere un paragrafo in più sul giornale ma con una raccomandazione non ci costruisci una carriera'.

'Il mio unico privilegio di avere genitori nel mondo della musica è di avere un'agenda più ampia degli altri – ha continuato la giovane Carrisi – vorrei tanto che mio padre facesse il regista, quando ero piccola sognavo che facesse l'avvocato per poter fare la cantante senza confronti. Come va il confronto con mia madre? Ci sono nata nel confronto con lei, ogni tanto ci faccio la guerra, ogni tanto siamo in pace. Ma non posso denigrare la mia situazione, sono stata fortunata a nascere nella mia famiglia'.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017