Excite

Discografici Vs Radio, una guerra fra poveri

Il mondo della discografia è pronto a trattare con le radio commerciali che non pagano i diritti, ma non a piegarsi al 'ricatto' di veder boiccottate le novità musicali. Nonostante la questione sia approdata nelle aule giudiziarie, dopo una trattativa che si è trascinata dal 2006 al dicembre 2008, Saverio Lupica, Presidente di Scf, il consorzio che tutela e gestisce i diritti di oltre 300 imprese, tende la mano ai dieci network nazionali (esclusa ovviamente la Rai, che paga regolarmente i diritti), vale a dire Radio Rtl 102.5, Radio 105, Rds, Radio Monte Carlo, Virgin Radio, Radio DeeJay, Radio Capital, M2O, Radio 101, Radio Italia, che si rifiutano di adeguare i compensi dovuti ad artisti e produttori per l'utilizzo di musica nella loro programmazione.

'Il nostro approccio - ha spiegato Lupica in una conferenza stampa a Milano - è sempre stato di estrema disponibilità, mentre l'atteggiamento dei network è stato di ferma chiusura. Se le radio sono disposte al confronto siamo qui, ma devono adeguare i compensi. Il minimo è il 2%, che paghino almeno quello, oltre agli arretrati. Ci devono quasi tre anni, ossia più di 5 milioni di euro'.

Ma com'è la situazione all'estero? In realtà assai più lineare. Nei principali paesi europei, infatti, i diritti riconosciuti dalle radio, calcolati sui ricavi lordi, variano da circa il 2% della Spagna a oltre il 4% di Francia e Gran Bretagna, fino al 5,6% della Germania. In Grecia le radio pagano una quota doppia rispetto all'1% riconosciuto dai dieci network italiani fino al 2006. 'Le radio - sottolinea Enzo Mazza, presidente Fimi - pagano più di energia elettrica che di diritti. Il topolino viene accusato di schiacciare l'elefante'.

Pare però che le emittente non ci stiamo: dal 7 maggio boicottano infatti buona parte delle novità discografiche oppure chiedono agli artisti di firmare una liberatoria che li esoneri dal pagamento dei diritti a Scf. 'Il ricatto non è civile', spiega Mario Limongelli, presidente Pmi, che invita le radio a 'ritirare questa azione. Un atteggiamento inaccettabile'.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017