Excite

Ed O'Brien: "Discografici ottusi"

'Devo ammettere che ho un po' di problemi quando mi tocca ascoltare il parere di discografici che vengono da me affermando che la pirateria sta assassinando la musica e di conseguenza i loro affari. Il mio punto di vista è che si, i pirati non comprano i dischi che scaricano tramite il p2p, ma comunque reinvestono i loro soldi andando a vedere più concerti, o comprando semplicemente più magliette dei loro cantanti e gruppi preferiti'. Parole di Ed O'Brien, chitarrista dei Radiohead, in questi giorni a Cannes per il Midem, appuntamento fra i più importanti al mondo per gli addetti ai lavori della musica.

'Non dimentichiamo – continua O'Brien – che siamo nell'era digitale, e che i discografici, per rimanere a galla, devono rimodulare il loro modello di business esattamente come in qualsiasi altro settore coinvolto dall'avvento di Internet. Qualche idea al riguardo? Bisogna dare spazio ad artisti e generi musicali considerati attualmente di nicchia, e c'è da riorganizzare i siti che vendono legalmente album e brani, proponendoli al pubblico a un prezzo equo per concorrere concretamente con il p2p, altrimenti la gente continuerà giustamente a reagire all'ottusità dell'industria musicale sentendosi in diritto di scaricare canzoni senza pagare nulla'.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017