Excite

Er Piotta scuote gli Smart Future Minds Award

di Toshiro Mifune 

Ritrovarsi nel bel mezzo di un autentico secret show non è mai male. Soprattutto se è quello organizzato da Smart per la cerimonia di premiazione dei suoi Future Minds Award, premi dedicati al futuro delle città che hanno assegnato un montepremi di 12.500 euro e tre macchinine elettriche (quelle che la Mercedes lancerà sul mercato nel 2012) in uso gratuito per un anno.

Intorno alle 23,30 – mentre dalla Cavea dell'Auditorium defluiva il (canuto) pubblico di Crosby, Stills & Nash – saltava come un assatanato sul palchetto allestito nella tensostruttura di 200 metri quadri al viale De Coubertin niente meno che il Piotta. Anzi, er Piotta. Che seguiva i dj set di Gianni music trio, Databhi e Flavia Lazzarini nonché le (belle) chiacchiere del geologo Mario Tozzi e della Iena Sabrina Nobile. E cominciava immediatamente a menare di brutto, accompagnato da basso, chitarra e dj. Combo nuovo, per Tommaso Zanello, e piglio nuovo: con l'ultimo disco Suono diverso (leggi la news) il rapper romano ha ormai preso la strada del mash-up a gogo, del rap che incontra il rock e della rivisitazione dei suoi vecchi pezzi in chiave piuttosto irriverente, con tanto di Cure a fare da base.

Poteva non essere, fra avveniristici progetti in esposizione (ce n'è uno, il terzo classificato della coppia Di Leonardo & Angelani, che cerca di sfruttare il movimento dei batteri per alimentare micromotori) e curatori di spessore a spiegare le sfide del domani, la situazione giusta. Insomma: mica facile mettere insieme il Supercafone versione 2010 e La grande onda con un ospedale nel Darfur (secondo premio firmato da Tamassociati). E invece l'oretta di showcase del Piotta ha scaldato gli animi, già abbeverati a fiume da un generoso open bar, chiudendo a dovere una serata come ce ne vorrebbero molte, in questo paese che raramente divertirsi con intelligenza, sposando tecnologia, musica e ricerca.

Alla fine, per la cronaca, i 10.000 euro di primo premio sono andati a un progetto particolarmente concettuale e romantico firmato dal collettivo Liga de la partita urbana fra Italia e Venezuela: entrare in contatto con realtà disagiate di varie città del mondo e far disegnare per strada, dagli stessi abitanti, dei campi per vecchio giochi popolari, attingendo ai ricordi dell'infanzia. Commovente.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017