Excite

Excite intervista Gianluca Grignani

Grignani lo intercettiamo in auto, mentre è in viaggio verso una radio per l'ennesima intervista. E' la sua vita, del resto.
Ha da poco pubblicato il suo nuovo lavoro discografico Il re del nulla che in un mese ha già racimolato 65 mila copie vendute.


a cura di
Slug

Erano due anni che non si presentava vestito a nuovo in un negozio di dischi. Se ne sentiva la sua mancanza, evidentemente.
Lui, Gianluca, è sempre stato un artista sui generis, uno di quelli che di fronte ad una telecamera non si presenta di frequente, ponderando con attenzione la sua visibilità.
Lo fa perchè non ama la banalità o forse perchè non apparire, in tempi in cui tutto è estetica, autorizza alla distinzione.
Il re del nulla, dicevamo, è un lavoro particolare, tanto nel sound, quanto nella sua presentazione visto che affianca al cd anche un biglietto per assistere ad uno dei due concerti che Gianluca terrà in ottobre a Roma e Milano. Basterà aggiungere un pugno di euro in più.
"E' un'idea innovativa, una via alternativa per combattere la pirateria musicale", ha detto Grignani rispondendo al telefono e cominciando così la nostra intervista.

"L'edizione speciale Re del Nulla cd + concerto ha l'obiettivo di aiutare i giovani a riavvicinarsi alla musica. E' un'idea pensata per la musica in genere. Comprando la versione speciale del nuovo album ci saranno le 13 tracce classiche, 4 brani in più e un numero seriale grazie al quale si potrà ritirare in tutte le ricevitorie un biglietto per assistere ad uno dei due concerti che terrò ad ottobre a Milano e Roma. Il tutto a soli 4.50 euro in più, anzichè i classici 25/30 euro di un biglietto live tradizionale.
Credo che questa sia un'idea assolutamente onesta che permetterà di far divertire anche i ragazzi che non hanno grosse disponibilità economiche.
Posso assicurare che di questi 9 euro in più neanche un centesimo finirà nelle mie tasche ma il buget verrà interamente utilizzato per produrre i due concerti ai quali tengo tantissimo, visto che saranno gli unici due prima del tour che partirà a febbraio 2006
".

Cosa ci dobbiamo aspettare da queste due anteprime live?
"Coriandoli e stelle filanti. Roba mai vista, spettacolo puro. Questi due concerti saranno stratosferici anche perchè rappresenteranno le mie uniche uscite pubbliche di quest'anno, Festivalbar escluso".

Avrà un seguito questa iniziativa? La ripeterai?
Se avrà successo assolutamente sì, sfruttandola, magari, per produrmi tutto il tour. Sarebbe il massimo.
La cosa che mi rende felice al momento è che sono stato il primo artista europeo, se non mondiale, ad aver fatto una cosa del genere.

Parliamo del tuo lavoro discografico. Ho notato un ritorno alle sonorità del primo album, sei d'accordo?
Sì, le sonorità di Destinazione Paradiso si percepiscono chiaramente e vengono completate da tutta la sperimentazione e l'esperienza che ho accumulato in questi anni.
Il re del nulla rappresenta il vero Grignani ed è il punto di non ritorno. Con questo album ho capito davvero la musica che voglio suonare, quella che sento mia e che più mi rappresenta come artista e persona. In futuro non ci sarannò più sperimentazioni come è accaduto per La fabbrica di plastica, per esempio.
Con Il re del nulla ho messo un piede nel pop, uno nel rock e ho tirato fuori delle canzoni melodiche e assolutamente in linea con il mio sound. Sono davvero felice ed orgoglioso del prodotto finale.

La canzone Bambina dallo spazio è il tuo primo singolo. Suppongo tu l'abbia voluta dedicare a tua figlia Ginevra...
E' un inno alla femminilità e a tutte le donne che, secondo me, sono esseri che vengono dall'altro mondo.
La strofa è dedicata a mia moglie Francesca mentre l'inciso è tutto per Ginevra.

Nel Re del nulla sono venuti fuori prima i testi o le musiche?
Sono nati insieme, credo. Il mio processo creativo è lento, progressivo. Quando ho in mente un riff, lo registro, lo ascolto, ci rifletto, lo modifico e lo definisco. Le canzoni mi piace crearle con calma, mi piace assorbirle fino in fondo, prendendomi tutto il tempo che serve.

Ho saputo che c'è un brano "Un giorno azzurro" che vorresti cantare assieme ad una cantante italiana. Mi puoi dire chi è?
Elisa. Gliene volevo parlare quando l'ho incontrata al Festivalbar ma non ne abbiamo avuto il tempo. Secondo me questa canzone è perfetta per la sua voce e alla fine il duetto si farà.

"Tu non sai che mi fai" è un brano che ricorda molto i Beatles dei quali sei un grande fan. Quanto sono state importanti per la tua carriera le canzoni dei Fab Four?
Ti racconto una cosa per spiegare l'influenza che hanno i Beatles nella mia vita professionale. Ogni volta che comincio a pensare ad un album, mi chiudo in una stanza e mi ascolto in continuazione il White Album dei Beatles. Lo metto di seguito, senza pause e dopo un po' vengo travolto dall'ispirazione. E' un prodigio, una vera magia.

C'è una canzone nel cd che si chiama "Che se ne frega" e parla dell'ossessione di dover emergere a tutti i costi attraverso la tv. Cosa ne pensi del fenomeno dei reality show?
Hai risposto tu. I reality sono un fenomeno e come tale vanno trattati. Non capisco perchè ci sia tutta questa necessità di apparire, di diventare famosi. E' un comportamento che porta alla distruzione dellanimo. Non siamo tutti uguali ed è per questo che ogni persona è unica.

Cosa ne pensi del conflittuale rapporto fra musica e internet? Sei dell'idea che il libero commercio della musica sul web debba essere perseguito oppure lo vedi come un utile canale di visibilità per le band ancora sconosciute?

Internet aiuta la musica ma non aiuta i musicisti e il loro lavoro. Credo che il fenomeno debba essere limitato e regolamentato. Ci vorrebbero più idee, tipo quella che ho avuto io con il Cd+Concerto. Servono suggerimenti, stimoli commerciali per riavvicinare la gente alla musica legale, per renderla più partecipe.

So che sei interista: sei felice della vittoria nerazzurra in Coppa Italia?
Sono molto felice ma io più che "calciofilo" mi sento tennista e spero ardentemente che Federer trionfi a Wimbledon (cosa che poi si è puntualmente avverata, ndr). Sono un suo grande estimatore.

Grazie del tempo che ci hai concesso e ti auguro il massimo della fortuna con questo nuovo album.
Ti ringrazio e ne approfitto per salutare tutti i lettori di Excite.

In rete:
- Acquista i cd di Gianluca Grignani
- Guarda le sue immagini
- Il sito ufficiale

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017