Excite

Fedez: "Pop-Hoolista" è il nuovo album, la recensione in anteprima

  • ufficiostampa

di Laura Abbate

E' arrivato finalmente il nuovo album di Fedez. "Pop-Hoolista" sarà acquistabile on line e negli store tra poche ore. E' un concept album, prodotto da Newtopia (l'etichetta discografica indipendente fondata da Fedez e J-Ax) venti brani molto diversi l'uno dall'altro che raccontano in maniera irriverente l'Italia di oggi. Il disco mette insieme una serie di tematiche sociali scottanti, lo fa in maniera divertente e allo stesso tempo molto coraggiosa. Fedez in sostanza non le manda a dire a nessuno: nel suo mirino finisce la classe dirigente italiana, la televisione e la Chiesa. Ai temi impegnati si alternano nel corso dell'album anche quelli tradizionali della musica nostrana: l'amore e la nostalgia su tutti. Sia chiaro, non ci sono sbavature smielate. Lo stile infatti resta il solito, quello di Fedez.

Fedez scrive l'inno del M5S, il video

Ad anticipare il disco è Generazione Bho, un brano che racconta uno spaccato dell'Italia retrograda e ancorata a certi tradizionalismi. Il ritmo e il ritornello (che recita I don't know) sono made in Usa, seppur in realtà il disco sia stato scritto e registrato in Italia. Sono parte integrante dell'album (perché oltre a far numero fanno qualità) anche i duetti. Con Elisa, Fedez canta "Pop-Hoolismo", un brano caldo e avvolgente che aveva pensato di portare al Festival di Sanremo. Poi, ha deciso di non farlo. Con Malika Ayane canta "Sirene", in riferimento alle sirene della polizia. La divisa è un altro degli elementi salienti di questo album. Dalla copertina ai testi dei brani, il cantante di Rozzano esprime tutto il suo disappunto per lo strapotere di poliziotti e caribinieri. Cambio di rotta (e di maschera) per "L'amore Eternit", pezzo a quattro mani con Noemi, in cui si celebra l'amore, perché anche i duri, quelli tatuati e pieni di piercing possono avere una sensibilità, nonostante la società ci creda un po' poco alla loro capacità di innamorarsi, possono farcela. Fedez e Francesca Michielin cantano insieme "Magnifico", poi "Veleno per Topin" con Luciouz, "Viva l'Iva" con J-Ax e "M.I.A." con Boomdabash.

A scandire infine il ritmo e la collocazione del pezzo che si rivela essere penetrante dal punto di vista musicale, ci sono: "L'hai voluto tu", un brano che pare essere uscito da una compilation degli 883, per lo stile che ricorda molto quello di Max Pezzali; "Vivere in Campagna Pubblicitaria" che punta il dito contro il mondo fittizzio della pubblicità appunto; "Moet Sciandon", champagne che sugli scaffali dei supermercati viene ignorato dalle sciure che fanno la spesa e che invece i giovani aitanti discotecari pagano profutamente per berne un goccetto; "Cardinal Chic", che punta il dito contro lo sfarzo indecoroso della Chiesa e infine, dulcis in fundo, "Non c'è due senza trash", un capolavoro di divertimento e irriverenza al centro del quale viene messa Barbara d'Urso. Il 22 marzo al Forum di Assago, Fedez organizza un grande evento e canta dal vivo il suo nuovo album. E' quello della maturità, per questo si festeggia in grande. Fino ad allora la consacrazione al successo potrebbe, anzi dovrebbe essere arrivata.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018