Excite

Lelio Luttazzi

foto: wikipedia.org
foto: wikipedia.org
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
foto: wikipedia.org
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).
Lelio Luttazzi nasce a Trieste il 27 aprile 1923. Muove i primi passi nella musica grazie al parroco don Crisman di Prosecco, paesino vicino Trieste, che gli impartisce lezioni di pianoforte. Laureando in Giurisprudenza presso l'università di Trieste, durante il conflitto mondiale inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Verrà notato da Ernesto Bonino, che gli chiede di comporre una canzone per lui; nel 1944 esce Il giovanotto matto, che diventa un grande successo. Capito che il mondo del musica è il suo futuro nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con Teddy Reno presso la casa discografica CGD. Da allora inizia la scalata, da direttore d'orchestra a personaggio televisivo. E' morto nella sua città natale l'8 luglio 2010. Ecco alcune sue immagini (foto © LaPresse).

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017