Excite

Giuseppe Casarini, è morto il musicista compositore di "Quarantaquattro gatti"

  • Fonte foto: Dal web

Aveva 91 anni il Maestro Giuseppe Casarini, morto a Modena e conosciuto dai più per il suo grandissimo successo “Quarantaquattro gatti”, che solo a citarlo a tutti viene in mente il seguito della strofa che fa: “In fila per sei col resto di due”. La sua vita era stata dedicata completamente alla musica, per la quale ha scritto tantissime composizioni, ma nessuna entrata nella memoria collettiva così strenuamente come quei 44 gatti che gironzolano nella mente di tutti noi al solo nominarli.

Ubaldo Rossi, morto il produttore musicale di artisti come Ligabue e Jovanotti

La fortuna di “Quarantaquattro gatti” di Giuseppe Casarini, detto Pippo, è arrivata nel 1968, quando il brano ha vinto la decima edizione dello Zecchino d'Oro cantata da Barbara Ferigo, all'epoca piccola bimba di quasi cinque anni. Il brano ha avuto diverse versioni nel tempo, diventando un vero e proprio cult della musica italiana delle canzoni per bambini e non solo. Nel 2007 si è vista anche una riedizione dei 44 gatti con l'interpretazione di Cino Tortorella durante il Gran galà dello Zecchino d'oro.

Come si legge nel “Catalogo dei viventi 2015”, Giuseppe Casarini compose “Quarantaquattro gatti” durante un fortunato periodo in cui insegnava nelle scuole. Lo stesso autore aveva dichiarato: “In quel periodo avevo smesso di suonare in giro e insegnavo educazione musicale alle scuole medie di Nonantola: mi venne prima il titolo, ispirato al numero di anni che stavo per compiere, 44, poi il testo, che scrissi in un paio di settimane, e infine la musica, che composi in un quarto d’ora. Il contenuto della canzone invece viene dal mio grande amore per i gatti: andando a Roma da parenti, su un rudere vicino a piazza Esedra, c’erano questi gatti randagi a cui delle signore davano da mangiare. L’idea della canzone è nata così. Poi l’ho dedicata al mio gattino che si chiamava Agostino e che ha vissuto fino a 21 anni”.

Sarà possibile salutare la salma di Giuseppe Casarini a Modena, nella sua città natale, dove si trova tuttora nella camera ardente del Policlinico di Modena. Successivamente il corpo verrà sposato per la tumulazione nel cimitero di Carpi. Con lui se ne va un pezzo della storia di tanti bambini che sono stati e che saranno, ma le sue note riecheggeranno nel tempo a memoria di quei “quarantaquattro gatti in fila per sei col resto di due” che tutti canteranno ancora ai loro piccoli.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017