Excite

Google Music all'attacco di iTunes e Amazon

Dopo Amazon, che ha rimodulato l'offerta per cercare di mangiare una fetta di proventi ad iTunes, anche Google sbarca nella musica online. L'annuncio formale è arrivato alla Google I/O Conference di San Francisco, il mega-evento per gli sviluppatori software indipendenti. Paul Joyce, product manager di Google Music, ha svelato che il servizio (per ora in fase sperimentale e disponibile su invito solo negli Usa) sarà un autentico music manager. Si potrà dunque scaricare (anche se non concretamente sul proprio computer), gestire e suonare su qualunque piattaforma dai telefoni ai computer, ma con gli archivi in remoto. Un po' come con la 'nuvola' annunciata da Amazon.

Un'estate che si preannuncia dunque molto calda per i principali player di internet. A partire dall'acquisto da parte di Microsoft di Skype per 8,5 miliardi di dollari: la più grande acquisizione mai effettuata dal leader del software e la maggiore sull'autostrada elettronica in dieci anni.

Tornando a Google Music, in attesa dell'accordo con le quattro maggiori etichette discografiche, con cui Google è in trattativa, il servizio è dunque disponibile in versione beta, ovvero sperimentale. 'Stiamo per presentare una versione beta del nuovo servizio di musica che permetterà agli utenti si creare una collezione con la propria musica attraverso l'account sul server di Google', ha detto Zahavah Levine, uno degli executive del motore di ricerca.

Il servizio - che in attesa delle licenze della major permetterà dunque solo di ascoltare musica in streaming, da dove si vuole archiviandola sul proprio hard disk virtuale ma senza scaricarla sul computer, come invece avviene con iTunes – permetterà di creare playlist personalizzate (secondo alcune fonti si potrà scegliere fino a 20mila canzoni), offrirà informazioni sui brani e la musica sarà disponibile anche quando non si ha una connessione disponibile.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019