Excite

Hernan Cattaneo @ Brancaleone!

Ma chi l'ha detto che i migliori dj devono essere necessariamente americani o europei? Ci sono esempi notevoli a dimostrazione di quanto sia prolifica la scena sud-americana. Hernan Cattaneo (Reinassance Rec.) è uno di questi. In Argentina, Hernan, è venerato in quanto guru della musica clubbing. Quando lui portò il suono deep a Buenos Aires, coraggioso pioniere, fu guardato con occhi dubbi. Oggi di dubbi non ne ha più nessuno. Neanche un grande come Paul Oakenfold, che lo scoprì, lo mise sotto la sua ala protettrice, e lo portò alla ribalta mondiale.

Hernan Cattaneo, capace di entusiasmare il popolo dei club di tutto il Pianeta, arriva per Firewater (resident Andrea Lombardo) per la prima volta a Roma, a far tremare la consolle del Brancaleone.

Trova l'Evento su Excite ByNight!

Bassline molto presenti e numerosi breakdown, pause eteree, lunghe e molto dilatate: sono queste le caratteristiche di "Reinassance", la doppia compilation di Hernan, per molti un vero capolavoro, tanto di manifattura tecnica quanto di fluidità stilistica. E pensare che Hernan, a metà anni '80, aveva iniziato ascoltano i Red e i Level 42. Deve tutto, insomma, a quell'amico (leggenda narra) che, tornando da New York, gli portò qualche disco dalle sonorità house di Chicago, avvicinandolo ad artisti come Frankie Knuckles, Derrik May e Inner City. L'accostamento fu vincente: l'energia della nascente musica elettronica europea, il soul americano, la tradizione sudamericana. Hernan ne partorì una musica nuova, elettronica sì, ma non avulsa dal contesto a cui la proponeva.

Dal piccolo club di Buenos Aires ai vari club del Sud America, poi il salto verso l'Europa e il cuore degli USA, e le conoscenze giuste (Sasha, John Digweed, Danny Tenaglia, Carl Cox, Darren Emerson, tanto per citarne alcune): Hernan diventa miglior dj in Sud America, Paul Oakenfold lo nota e lo invita nei migliori festivals, dall'Islanda a Singapore, fino a esibizioni davanti ad oltre 70000 fans. Ormai è fatta. Il suo stile eclettico ha conquistato il mondo, Hernan è capace di spaziare dalla deep house alla tribal progressive, scatenando il delirio in pista.

Tornando a "Reinassance", ci si chiede spontaneamente di che tipo di rinascita si tratti. Il doppio album (venticinque tracce mixate ad arte) è l'ennesima conferma del talento innato di Hernan, già dall'apertura, una chicca, e cioè "Arquipelago", il capolavoro di Gui Boratto. Si prosegue ancora meglio, tra Slam, Bushwacka! e Marco Bailey, senza dimenticare il remix con John Tonk del pezzo di Phonique, "For The Time Being". Una Rinascita per chi lo ascolta, per chi mette piede questo venerdì per la prima volta al Brancaleone. Probabilmente invece, Hernan Cattaneo, se dovesse rinascere, sceglierebbe di rinascere tale e quale com'è ora, soprattutto fortunato allo stesso modo. Di nuovo Hernan Cattaneo, insomma. Che non è poi tanto male.

Hernan Cattaneo @ Ultra Music Fest

Hernan Cattaneo @ Hacienda

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017