Excite

Hot Chip, Troy Pierce ed Emanuele Inglese

Accidenti come inizia il Brancaleone. La serata del 17 settembre, firmata 'Plus + Fest', non lascia dubbi in quanto a qualità. Posto che l'evento ha una vocazione europea, per cui punta su sperimentazione ed esclusività, porta per giunta in città gli Hot Chip, Troy Pierce ed Emanuele Inglese. L'appuntamento si ripeterà una volta al mese e presenterà tanti artisti e stili di divertimento diversi.

La notizia in pillole su byNight: tutte le info!

Si inizia alle 21 con l’aperitivo elettronico a cura di dj e gruppi che cambiano di volta in volta e si prosegue alle 22,30 nella mail room, con ospiti di fama internazionale. La grafica è di Nazario Graziano, designer che ha prestato le proprie idee ad Mtv, New York magazine e tanti altri. E alla base di tutto tanta musica live, dal rock all’elettronica, per una commistione di generi che non lascerà nessuno indifferente. Ma torniamo a noi e alla serata del 17 settembre. Gli Hot Chip sono tornati con One Life Stand proprio quest'anno per la Parlophone Records. Un albumlontano dallo stile solito del gruppo, più soul rispetto a 'Made In The Dark' del 2007, e più ambizioso rispetto all’album del 2005 'The Warning', nominato ai Mercury e vincitore ai Grammy Awards coll’omonimo singolo.

Joe Goddard, Alexis Taylor, Felix Martin, Al Doyle e Owen Clarke si ispirano a una incredibile varietà di mondi musicali, generi e scene e ‘One Life Stand' rappresenta proprio una virata verso funky, soul, R&B, Northern Soul, Gospel, Golden Age Electronica, House, Arthur Russell, Prince e Theo Parish. Tutto su una base pop ed elettronica. Troy Pierce è uno di quelli che non necessita chissà quali presentazioni, ma repetita iuvant. Nasce in una piccola cittadina di Muncie nell'Indiana - quattro ore di macchina da Chicago e Detroit - dove assorbe lo stile techno che proliferava nella zona in quegli anni. Nel 2001 conosce Magda, la quale gli presente Marc Houle e tra i tre nasce una ottima intesa, tanto che nel 2003 debuttano con il progetto 'Run Stop Restore'. Troy si trasferisce a Berlino,individuando nella Germania una ottima cornice per la scena techno- minimale. Il suo debutto discografico da solista avviene con Restore (2004), album che unisce al minimalismo una sensibilità melodica ed influenze che vanno dall'acid house al techno-pop anni '80.

Per Materia Records poi, arriva Emanuele Inglese. Gli hanno fatto da scuola il Cocoon di Francoforte, Ibiza, Colonia a Mykonos, e oggi Emanuele è non solo un dj ma un artista che riesce a muovere milioni di persone sulle sue note. Duetta con gente come Mihalis Safras, Mark Broom, Butch, Amir, remixao i colleghi Basti Grub, Kaiserdisco, ed è nelle playlist di Luciano, Villalobos, Dubfire, Adam Beyer, Richie Hawtin per nominare alcuni.

Hot Chip

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017