Excite

Jannacci confessa: "Credo in Dio"

"Credo in Dio e non sono ateo, sto vivendo una maturazione del mio credo religioso". Enzo Jannacci, in una lunga intervista pubblicata sull'Avvenire, racconta le sue nuove, profonde convinzioni religiose e il modo in cui è cambiata la sua vita negli ultimi anni. Un outing onesto, quello dell'eclettico cantautore meneghino, al quale si deve accordare il beneficio dell'assoluta genuinità, visto che raramente ha cercato di farsi pubblicità cavalcando temi tanto delicati.

Non a caso, con la sua solita sottigliezza, il 74enne cabarettista e attore milanese confida al giornale dei vescovi che "è un cammino con i piedi di piombo: uno non nasce con la fede dentro, in qualche interstizio della propria anima o dell’ipotalamo".

Insomma, tutt'altro che una folgorazione sulla via di Damasco (magari sperando in qualche tornaconto sui giornali). Si tratta, a quanto confessa Jannacci, di una sterzata progressiva e delicata, magari guidata anche dalla sofferenza che micidiali dolori alla schiena gli riservano da anni, limitandolo nelle sue attività.

Forse alcuni segnali quelli del Meeting di Rimini – che lo hanno invitato in concerto questa sera – li hanno intravisti all'epoca della querelle su Eluana Englaro. Quando in una intervista al Corriere della Sera, definendosi "ateo laico molto imprudente", invocò il Cristo perché lui, come medico – Jannacci si è specializzato in chirurgia generale in Sudafrica col pioniere dei trapianti al cuore Christiaan Barnard – sentiva soltanto di alzare le braccia: "Non staccherei mai una spina e mai sospenderei l’alimentazione ad un paziente: interrompere una vita è allucinante e bestiale".

Enzo Jannacci – Quelli che...

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017