Excite

Joe Jackson - Rain

Etichetta: Rykodisc - Voto: 6
Brano migliore: : Solo (So Low)


Ed ecco dunque andare a Canossa anche il buon vecchio Joe Jackson che col nuovo album Rain (giunto dopo un silenzio che durava da cinque anni), si tuffa a capofitto nelle sue origini così come è immediatamente svelato dalle prime note di Invisibile Man, la traccia d’apertura.

Il gusto è quello della trilogia degli esordi (Look Sharp, I'm The Man e Beat Crazy) che personalmente ho sempre apprezzato maggiormente rispetto agli svarioni soul-jazz che ha pubblicato negli anni seguenti.Per dare maggiore spessore a quel sapore, ad affiancare Joe Jackson ci sono i vecchi amici di allora, Graham Maby (al basso) e Dave Houghton (alla batteria).

Con ciò detto vi verrà facile immaginare il contenuto del disco: brani orecchiabili, suadentemente pop-rock, qui e là un po’ demodè, con anche qualche evidente riferimento alla maiuscola composizione del maestro Burt Bacharach (Wasted Time) che ben si addice alla vocalità del Nostro, oppure con alcune ritmate divagazioni paul-mccartneyane come quella di King Pleasure Time che sembra un out-take di Band On The Run.

Non manca nemmeno la struggente ballatona pianistica (Solo – So Low) creata apposta per farci accendere gli accendini durante i prossimi concerti e che divaga tra Chopin ed Elton John riuscendo con facilità a non scadere nel cattivo gusto. Un’arte di pochi.

Insomma, Joe Jackson sa perfettamente di non essere più un artista da classifica. Vive con assoluta serenità il suo status di professionista navigato (e se vogliamo anche un po’ cult) con precisione e dignità pubblicando un disco che forse non finirà nelle classifiche di fine anno ma che riuscirà a regalare qualche brivido e molto piacere in questo inizio di 2008.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017