Excite

Jovanotti - Buon Sangue

Etichetta: Universal - Voto: 7.5
Brani migliori: Penelope, Falla girare

Sono passati 3 anni da "Il Quinto Mondo", l'ultima fatica discografica di Jovanotti.
In tutto questo tempo la barba gli si è allungata, i capelli pure, la sperimentazione si è evoluta, la musica si è semplificata. Eppure, alla faccia dei detrattori, questo "Buon Sangue" è un album davvero riuscito.


a cura di Slug

Accompagnato da squilli di tromba, coriandoli e fuochi d'artificio, titoli a nove colonne e fiumi di parole, il nuovo Jovanotti non ha tradito le attese. E, di questi tempi, è una notizia non di poco conto.
In un periodo come quello attuale dove l'unica cosa che ancora riuesce a tenere in vita il baraccone discografico è la quantità-qualità di marketing che accompagna l'uscita di prodotti oggettivamente sempre più scadenti, il "Buon Sangue" di Jovanotti è una piacevole eccezione, soprattutto per coloro che sono impermeabili alle parole di contorno e guardano solo al prodotto genuino (che poi è l'unica caratteristica che giustifica il prezzo di un cd).
Il Jova ha voluto tirare le somme di una carriera passata in giro per il mondo a percorrere tutti i tragitti della musica.
Ha seguito longitudini e latitudini sonore che lo hanno portato ad interessarsi della musica africana. Ha estrapolato la geniale controtendenza elettronica dell'underground londinese.
Si è buttato a capofitto verso le sonorità rock più semplici e dirette per poi tornarsene in Italia, a sciorinare idee e pensieri del vecchio Jovanotti, quello targato anni '90.
Dentro "Buon Sangue" ritroviamo tutti i suoi personaggi, da quello più scanzonato a quello più romantico, da quello più rock a quello più sperimentale.
Il mix, al contrario di tanti altri prodotti analoghi, è tutt'altro che una caos acustico. Non è un'illogica accozzaglia di canzoni ma uno studiato tragitto di evoluzione musicale, riuscito proprio grazie alla qualità dei pezzi, tutti squisitamente equilibrati tra ciò che ci si aspetta e ciò che invece stupisce.
"Buon sangue" è il disco più vero e comunicativo di Jovanotti.
Senti "La valigia", "Mi fido di te" e ti vengono in mente le scanzonate "Ciao Mamma" o "Un raggio di sole".
Poi però arrivano brani come "Penelope", "(Tanto)3", "Falla girare" e "Coraggio" (che si avvale della preziosa collaborazione dei Planet Funk) e allora ti rendi conto che no, Jovanotti, non cambia proprio. Sempre lì a sperimentare, a cercare nuove vie.
"Buon sangue" è un disco che scorre veloce come un fiume, controllato da argini invalicabili, assolutamente a passo con i tempi.
L'elettronica la fa da padrona. La band è meno presente rispetto al passato. I riflettori sono puntati sui campionamenti.
(Tanto)3 è il singolo giusto per lanciare un album come questo. E' una canzone dance, dal ritmo travolgente e coinvolgente. Rispecchia in pieno lo spirito di questo "Buon Sangue".
Un album per conoscere il vero Jovanotti.

Nota a margine: Ci sono due versioni di "Buon sangue" disponibili sul mercato. Oltre all'edizione con i 13 brani, se ne aggiunge infatti una speciale e limitata con un ulteriore cd con altri 13 brani "jamming". A voi la scelta.

In rete:
- Jovanotti su Excite
- Il sito ufficiale di Jovanotti

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017