Excite

Juanes, intervista all'uomo dalla Camisa Negra

Juanes è una sorta di leggenda in Sudamerica. Sarà per la sua somiglianza con Antonio Banderas o per il suo ritmo caliente che tanto ricorda un Ricky Martin solo un po' più rock.
Nella sua Colombia viene considerato la risposta sudamericana a Bono Vox degli U2 e, proprio come il leader della band irlandese, è politicamente impegnato per le grandi cause del mondo.


a cura di Slug

In carriera ha vinto 9 Latin Grammy Awards e il Times Magazine lo ha inserito nella Top100 dei personaggi più influenti del globo.
"Juanes raccoglie in sé la capacità unica della musica di poter comunicare con chiunque. Il suo sound è universale e decisamente potente. E' un artista la cui musica proviene direttamente dalla parte più genuina della sua anima". Parole e musica di Quincy Jones.
Insomma, Juanes è un idolo del quale in Italia ancora si ignora l'esistenza.
Il gap con il resto del mondo verrà comunque colmato presto, come dimostra il singolo "La camisa negra", già un tormentone estivo nei lidi italiani.
Lo abbiamo raggiunto al telefono e gli abbiamo rivolto qualche domanda.
Sentite un po' cosa ci ha risposto.

Benvenuto su Excite, Juames.
Grazie mille.

Parliamo un po' di te. Scorrendo il tuo curriculum mi rendo conto di intervistare una leggenda della musica latina.
"La camisa negra", il tuo singolo, sta spopolando in Italia grazie ai tuoi ritmi calienti e ad una musica davvero coinvolgente.
Pensi che riuscirai a replicare in Europa il successo colossale che hai ottenuto in America?

Non ho particolari aspettative. L'Italia è un paese splendido ed è musicalmente molto raffinato. Il fatto che Mi sangre verrà ascoltato anche da voi rappresenta per me una grossa possibilità e mi onora. Mi auguro che la mia musica possa arrivare a quante più persone possibili. Il resto è secondario.

Il Time Magazine, celebre rivista americana, ti ha inserito nella lista delle 100 persone più influenti del mondo, accanto a personaggi come Bush, Bill Gates e il tuo idolo Bono Vox. Questo titolo ti carica di molte responsabilità, soprattutto a livello di comunicazione nei confronti dei problemi del tuo paese, la Colombia...
Assolutamente sì. Io, però, continuo ad andare avanti per la mia strada. Sono orgoglioso del titolo che mi hanno tributato ma per me la cosa più importante resta la musica.

Il successo è arrivato con il tuo secondo album Una dìa normal, un lavoro che ti ha dato fama e moltissimi premi in giro per il mondo, fra i quali 9 Latin Grammy Awards e 7 Latin Billboard Awards.
Quando sei entrato in sala di incisione a registrare Mi Sangre non ti sono tremate le gambe?

Quando entro in sala d'incisione lascio fuori dalla porta tutti i problemi, le attese e i dubbi. Mi concentro esclusivamente su me stesso, sulla mia musica e sulle canzoni. Divento impermeabile ad ogni tipo di pressione. Questa ricetta di vita ha funzionato con il vecchio lavoro, speriamo funzioni anche con il nuovo.

Testi e musica. Cosa nasce prima in un brano di Juanes?
Prima viene la musica e poi, attraverso le sue melodie, i testi. Quello che compongo ogni volta è la colonna sonora della mia vita ed ogni brano che scrivo contribuisce ad arricchirne il contenuto.

La musica per te è un lavoro o una missione? Pensi che la musica possa davvero cambiare il mondo, così come pubblicizzano tante band di livello mondiale.
In tempi nei quali la guerra e la violenza sono sempre in prima pagina, le persone hanno bisogno di aggrapparsi a un qualcosa che dia loro speranza. La musica è certamente un contenitore inesauribile di sogni e buoni auspici.

Pensi che il potere della musica possa davvero essere così elevato?

Non sono di quelli che professano un mondo migliore esclusivamente grazie alla musica. Magari una canzone può indicare la strada che porta al cambiamento ma non credo che essa possa avere tanto potere da rivoltare il mondo.
La forza della musica è nel suo linguaggio, universale. E' questo il suo segreto ed è per questo che regala speranza ed alimenta le passioni.

A proposito della domanda precedente. Il Live8 è stata una manifestazione nata con un intento preciso: combattere la povertà. Credi nella sua filosofia o pensi che dietro a manifestazioni come questa ci siano solo fini di lucro?
Il Live8 è l'esempio lampante di quello che ho detto prima. Con questa manifestazione si è voluto dare una dimostrazione di quanto la musica possa scuotere le coscienze e possa rappresentare un popolo. Alla fine, però, le decisioni le prendono i politici.

Qual è stato il processo creativo che ha portato alla realizzazione di due brani così famosi come La Camisa Negra e Nada valgo sin tu amor?
La Camisa Negra parla di quanto è grigia e triste la vita senza amore e di come la passione possa cambiare il corso degli eventi e l'esistenza stessa degli individui. Nada valgo sin tu amor è nata due anni fa mentre ero a Madrid, nel giorno del mio compleanno. E' una testimonianza diretta di quanto sia importante poter contare sull'affetto degli amici e dei propri familiari.

Che persona sei fuori dal palcoscenico? Hai un genere musicale preferito? Chi sono i tuoi artisti preferiti?
Adoro ascoltare la musica mentre sono in viaggio. Mi piace il sound brasiliano e colombiano ma anche la musica europea, i Coldplay, gli U2, i Killers, gli Audioslave e Alicia Keys.

Una domanda che poniamo solitamente ad ogni artista che intervistiamo è quella legata alla infinita polemica fra la musica scaricabile dal web e il diritto d'autore. Tu stai dalla parte delle major o da quella dei ragazzi che, non avendo i soldi per comprarsi un cd, ricorrono alla pirateria?
Sono convinto che internet sia utilissimo alle band emergenti e rappresenta una vetrina molto importante per chi non ha le disponibilità economiche per promuovere un lavoro. Il processo, però, andrebbe regolamentato.
Il libero commercio di musica protetta da copyright è ingiusto per chi lavora in questo campo. Certo, se il prezzo dei cd calasse, sono certo che la gente tornerebbe nei negozi a comprare copie originali. Nel frattempo, però, si devono trovare dei punti d'incontro.

Cosa ne pensi dell'Italia?

Adoro il vostro paese. Gli italiani hanno uno stile di vita simile al mio e la gente ricorda un po' quella sudamericana in certi atteggiamenti.

Tu vieni da una realtà molto difficile come quella colombiana. Sei nato lì, hai vissuto in quella terra e conosci alla perfezione i suoi problemi, legati soprattutto alla corruzione e alla droga. Com'è la situazione al momento?
La situazione è diversa da quella che ci fanno vedere al cinema. In Colombia si sta vivendo una fase politica incandescente. Ci sono molti problemi da risolvere, primo fra tutti quello dei conflitti per il potere fra i vari cartelli della droga. Gli scontri sono aumentati a dismisura in questi anni. Lo Stato sta facendo molto ma non basta.
C'è poi la piaga dei desaparecidos, un fenomeno che si sta allargando e che preoccupa molto la gente che vive in Colombia.

Nei tuoi testi parli di temi impegnati, racconti di politica, guerre, discriminazioni ed anche di amore, passioni e sentimenti. Perchè hai scelto di affrontare temi socialmente impegnati anzichè trattare argomenti più superficiali e meno "pericolosi" a livello di business? E' difficile parlare di politica e allo stesso tempo mettere d'accordo tutti i tuoi fan...

Vedi, secondo me la musica dovrebbe abbracciare quanti più argomenti possibili. I testi devono saper raccontare storie, devono regalare insegnamenti, devono pulsare e regalare emozioni.
Io ho scelto di parlare di povertà e guerra perchè lo sento, perchè lo voglio. L'ho sempre fatto e sempre lo farò. E' una cosa che mi riesce bene e che mi appassiona. E' giusto mettere al corrente le persone dei fatti che accadono nel mondo.
E poi parlo anche di amore, non solo come rapporto di coppia ma anche a livello più universale, come viatico per generare pace ed armonia grazie alla sua capacità di far dimenticare tutte le cose negative che sono presenti nel mondo.
L'amore che canto io è quello che sconfigge l'odio e le discriminazioni. Questo è l'unico vero amore che conta.

In rete:
- Il sito ufficiale di Juanes
- Le immagini di Juanes su Excite
I suoi cd su Ebay

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017