Excite

Justin Bieber: arrestato per corse clandestine e guida in stato d'ebbrezza a Miami Beach

  • Getty Images

Justin Bieber arrestato per corse clandestine e guida in stato d'ebbrezza nelle prime ore di giovedì 23 gennaio. I dettagli sono ancora sconosciuti, ma sembrerebbe che l'arresto sia avvenuto a Miami Beach, da quanto rivelato dalla polizia locale, che da diverso tempo lo tiene d'occhio a causa di diverse marachelle della popstar.

Guarda le foto di Justin Bieber in concerto

Bieber è stato avvistato in diversi luoghi della città negli ultimi giorni, tra cui un negozio di skateboard a Miami Beach, visibile anche in una foto pubblicata sul canale di Instagram. Il dipartimento di polizia di Opa-locka stava anche investigando su una scorta non autorizzata del cantante, come già un portavoce della polizia aveva annunciato, punendo severamente i colpevoli tra le forze dell'ordine.

Il cantante è da tempo sotto i riflettori della polizia, già a metà mese, erano andati nella sua casa di Miami. L'operazione della polizia era stata scatenata dall'accusa di vandalismo avanzata da una vicina della popstar e aveva portato all'arresto di un amico di Bieber, Lil Za, che deteneva un cospicuo quantitativo di droga. Dopo questo evento il portavoce dello sceriffo, Dave Thompson, aveva dichiarato ai media che, da quanto attestato, Bieber non aveva alcun legame con le droghe, ma rimaneva indagato per atti di vandalismo contro la casa della sua vicina.

A quanto pare dunque la vicenda si fa sempre più intricata oggi con il suo arresto per corse clandestine e guida in stato d'ebbrezza. Le sue recenti bravate e la scorta non autorizzata, avevano posto il cantante in una posizione scomoda rispetto alle forze dell'ordine, che lo hanno tenuto sotto controllo fino ad oggi. L'arresto potrebbe solo voler dire che Bieber è stato colto in flagrante durante i suoi giri a Miami Beach. Il cantante si ritrova di nuovo al fresco, infatti era stato arrestato nel 2013 per atti di vandalismo e nel 2012 per violenza contro un paparazzo. Sempre nel 2013 aveva rischiato fino a 4 anni di carcere perchè sembrava che, nel corso dei suoi concerti, avesse usato la bandiera nazionale americana per pulire il palco, imitando con l'asta del microfono una sorta di scopettone, il cantante dovette scusarsi con l'intera nazione.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017