Excite

Justin Bieber, condannato: 2 anni di libertà vigilata e terapia per la gestione della rabbia

  • Getty Images

La condanna per Justin Bieber nel caso del lancio di uova è arrivata. Il cantante deve pagare 80.900$ come risarcimento per i danni che ha causato alla villa del suo, ormai ex, vicino di casa, sulla quale si era divertito a lanciare uova e a mettere anche le foto online. Bieber ha deciso di patteggiare la pena per risolvere questo caso, dove le prove erano tutte contro di lui. L'accusa era quella di vandalismo, per la quale è stato deciso di dare due anni di libertà vigilata al cantante e il pagamento della somma suddetta al vicino.

Guarda le foto di Justin Bieber nudo a Cannes 2014

Justin dovrà passare un primo periodo di prova sotto sorveglianza diretta durante il quale dovrà compiere 12 sessioni a settimana di una terapia per il controllo della rabbia e per cinque giorni a settimana dovrò lavorare in una comunità. Nella sentenza c'è anche la restrizione per Bieber di restare ad almeno 100 metri dalla famiglia della vittima. Ora il cantante dovrà informare il giudice se accetta o, altrimenti, se lascia gli Stati Uniti. Fortuna che l'ultimo incidente che ha avuto non era colpa sua, altrimenti sicuramente si sarebbe riaperta la possibilità di una sua esplusione.

L'avvocato di Bieber è già intervenuto affermando in una dichiarazione scritta che Justin è felice di risolvere questa faccenda e lasciarsela alle spalle e, da adesso, continuerà a concentrarsi sulla sua carriera e sulla sua musica. Del resto all'epoca l'avvocato di Bieber, Shawn Holley, aveva definito il lancio delle uova un atto stupido e uno scherzo immaturo, Holley in fondo è abituato a stare spesso in tribunale a difendere le marachelle continue di Lindsay Lohan, al cui confronto Bieber è solo un principiante alle prime armi.

Guarda le 15 prove che Justin Bieber non è più un bravo ragazzo

Nel frattempo a Miami la corte ha programmato una seduta per il caso di Justin riguardo al suo arresto per guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di droghe, mentre era saltata l'imputazione per corse clandestine dopo che si era dimostrato che, in realtà, Bieber era ben sotto il limite di velocità consentito. All'epoca Justin era risultato positivo alla marijuana e a farmaci contro l'ansia, nello specifico lo Xanax. Bieber aveva già patteggiato per l'accusa di aggressione a una sua guardia del corpo, mentre dovrà affrontare la corte anche a Toronto per l'accusa di aggressione ad un autista di limousine.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017