Excite

Justin Bieber espulso dagli USA? Una petizione per revocargli la green card

  • Getty Images

Deportate Justin Bieber e revocategli la green card” recita una petizione apparsa sul sito della Casa Bianca. Dopo l'arresto ecco nuovi guai in vista per la giovane pop star, che a quanto pare ha superato il limite di tolleranza di diversi cittadini del paese che lo ospita. Il testo della petizione recita: “Noi, il popolo degli Stati Uniti, ci sentiamo rappresentati nella maniera sbagliata in tutto il mondo della cultura pop. Vorremmo vedere il pericoloso, imprudente, distruttivo e dipendente dalle droghe, Justin Bieber, deportato e che gli venga revocata la sua green card . È non solo una minaccia per la sicurezza del nostro popolo, ma è anche una terribile influenza sulla gioventù della nostra nazione. Noi, il popolo, vorremmo rimuovere Justin Bieber dalla nostra società.”

Guarda le foto di Justin Bieber e del suo lato B su Instagram

Parole forti quelle di questa petizione, che ha già raccolto in pochi giorni più di 55.000 firme. Affinché la petizione passi direttamente alla Casa Bianca, e all'attenzione di Barack Obama, ne servono 100.000, quindi sono già oltre la metà del necessario i firmatari. Un'altra gatta da pelare, quindi, per la celebre pop star, che nel frattempo si sta godendo una vacanza di relax a Panama in compagnia della sua nuova fidanzata, la modella Chantel Jeffries.

Per l'espulsione dagli Stati Uniti però non sono forse abbastanza i crimini commessi da Bieber, che ha un visto per le sue “straordinarie abilità” nel campo delle arti. Infatti il visto viene rivalutato solo per violenti crimini e sentenze più lunghe di un anno. Normalmente sono crimini come l'omicidio o lo stupro che portano alla cancellazione del visto e al rimpatrio dei soggetti morosi. La legge federale è comunque molto complessa e una petizione del popolo americano, in caso si raggiungano le firme necessarie, non è trascurabile.

È vero anche, però, che Bieber è una fonte di reddito non indifferente per gli Stati Uniti. Un collaboratore della CNN, Ruben Navarrette, ha infatti stimato Bieber per un valore di 130milioni di dollari e, per questo motivo, ritiene che il suo status di cantante possa garantirgli un trattamento speciale. Navarrette scrive anche che scommette che, tutti quegli immigranti messicani, fermati e deportati per non essersi fermati ad un incrocio, oggi stiano pensando che sarebbe stato meglio fossero stati dei ricchi ragazzini bianchi, con qualche dote nel campo musicale.

Guarda il video della sentenza per la cauzione di Justin Bieber

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017