Excite

Mark Ronson al Brancaleone per l'unica data

La sua prima volta in Italia sarà al Brancaleone di Roma. Martedì 23 novembre Mark Ronson si presenterà al pubblico Romano dopo l'uscita del nuovo album Business Intl: Record Collection. Il conceto sarà ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti (!). Nato il 4 settembre 1975 nel Southport, in Inghilterra, si è trasferito da piccolo (8 anni) a New York con la famiglia. E' nella Grande Mela che ha iniziato la sua attività da djing più o meno nel 1993.

Subendo l'influenza del funky, dell’hip-hop e delle atmosfere rock inglesi, ha da subito attratto un pubblico sempre più crescente, oltre che diventare un personaggio sempre più richiesto per suonare alla feste private dei vip. Il manager Nikka Costa, dopo aver sentito uno dei suoi pezzi gli presentò una cantante, e fu così che per lui ebbe inizio la produzione: il risultato fu 'Everybody got their something' e subito dopo firmò il contratto con la Elektra Records.

Il primo album, mentre continuava a produrre per Christina Aguilera, Amy Winehouse, Lily Allen e Robbie Williams, invece arrivò nel 2003, 'Here comes the Fuzz', e venne accolto dalla critica in modo entusiastico anche se le vendite non furono delle migliori.

La notizia in pillole su byNight!

Il 2004 è stato l'anno della fondazione della sua etichetta, la Allido Records. Come produttore poi ha realizzato – nell’aprile del 2007 - una cover degli Smith 'Stop me if you think you've heard this one before' sotto il titolo 'Stop me' con Daniel Merriweather alla voce: il brano raggiunse il singolo posto delle classifiche inglesi. Poi venne il remix della canzone di Bob Dylan 'Most likely you' ll go your way (and I'll go mine)' in occasione della promozione del triplo disco dello stesso autore intitolato semplicemente DYLAN, uscito nell’ottobre 2007.

Dello stesso anno la nomination ai Grammy come produttore dell’anno. Ma le soddisfazioni non sono legate solo a questo, dal momento che in quell'anno era impegnato a godersi il successo dell'album 'Back to black' di Amy Winehouse prodotto tra gli altri proprio da lui.

A inizio 2008 ricevette tre nominations ai Brit Awards, inclusa 'Canzone dell’Anno' - 'Valerie' - cantata dalla stessa Winehouse. Il brano gli fece raggiungere la vetta della classifica internazionale Dutch Top 40, rimanendo per quattro settimane consecutive in cima.

Valerie

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017