Excite

Mengoni: un mammone con la passione per McCartney

'Non ho proprio un disco preferito, sono troppi, però mi sento che quando ho sentito Grace di Jeff Buckley la mia stabilità artistica ha un po' tremato'. Parola di Marco Mengoni, trionfatore dell'ultimo X Factor e terzo classificato al festival di Sanremo. Il cantante di Ronciglione ha rilasciato un'intervista a Mtv, che lo ha visto esibirsi durante il programma Live Sessions.

L'artista più cool di sempre?
'L'artista che nella storia ha avuto il look più figo è senza dubbio David Bowie'.

L'ultima volta che ti sei arrabbiato?
'Mi capita molto raramente di arrabbiarmi davvero anche perché sono una persona che se succede qualcosa, qualsiasi cosa, la prendo come la vita, cioè nel senso la prendo molto leggera. Dopo un quarto d'ora a me passa tutto. Forse mi sono arrabbiato con mia madre perché molte volte si intromette in cose che non la riguardano, però credo che sia un problema un po' di tutte le mamme, ma adoro mia mamma, sono un mammone, però ogni tanto fanno le mamme chioccia e vogliono proteggerci e invece è bello lasciarsi andare, lasciarci andare e farci sbagliare'.

Il più bel viaggio che hai fatto?
'Ronciglione-Roma che è praticamente mezz'ora di macchina, però trasportavo le cose per andare ad abitare da solo. Ero contentissimo. È una cosa che io cercavo da tantissimo tempo: la libertà, l'indipendenza'.

Un artista con cui collaborare
'L'artista con il quale vorrei collaborare sparando un nome grandissimo sarebbe Paul McCartney, però mi tengo un poco più basso, rimango sempre in Inghilterra, è Paolo Nutini'.

Nel frattempo, è riesploso il caso di plagio intentato da Morgan nei confronti di Mengoni e della Sony, la sua casa discografica. L'inciso di Credimi ancora, il pezzo presentato sul palco dell'Ariston dal giovane interprete, a detta di Castoldi sarebbe farina del proprio sacco. Insomma, gli sarebbe stato rubato.

Il polverone, placatosi dopo qualche giorno, è stato poi risollevato da Rudy Zerbi: l'ex discografico della Sony, infatti, ha cercato di liberare la casa discografica, con la quale incide Mengoni, da ogni possibile responsabilità:'Non si può accusare la Sony di plagio. Il problema rimane tra gli autori. Noi siamo proprietari del master, della registrazione, ma la proprietà e quindi le ipotesi di potenziali plagio sono dell'autore che è proprietario dell'opera dell'intelletto, quindi dell'edizione del pezzo stesso'. Secondo Zerbi, tuttavia, le ragioni di questo accanimento sarebbero altre: 'Morgan ce l'ha con Mengoni'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017