Excite

Negro Festival @ Grotte di Pertosa!

Immaginate quant'è suggestivo ascoltare musica etnica immersi in una quiete surreale, tra stalattiti e stalagmiti illuminate di fluorescenze artificiali. Immaginate che al ritmo della musica si unisca quel "plin" millenario delle gocce che, una dopo l'altra, creano colossi minerari. Sembra un sogno fuori dal mondo, un'esperienza extrasensoriale. Si tratta invece di realtà, una realtà che va in scena ogni anno e da ben 14 anni nell'incredibile location naturale delle "Grotte dell'Angelo" a Pertosa, in provincia di Salerno. Un festival di etno-music immerso in una realtà quasi fiabesca, tra grotte e open-air-spaces appositamente adibiti.

Trova l'Event su Excite Bynight!

Tre le linee guida del Negro Festival ("Negro" dal nome del fiume che attraversa Pertosa), quest'anno. Anzitutto il recupero di uno sguardo meno salentino e nord europeo, guardando al sud e al mediterraneo, poi l’orientamento della sezione "Antro Suono", sempre in ambito sperimentale, che quest’anno punta all’aria, alternando voce e fiati. Resta un terzo punto, la "chicca" di questa quattordicesima edizione, ovvero l’inconsueto omaggio della musica etnica "italiana" di Fabrizio De André, a cui viene dedicata, a dieci anni dalla scomparsa, un'intera serata.

Sarà Peppe Barra, straordinario interprete della canzone napoletana, che eseguì un'emozionante versione in dialetto di uno dei brani più significativi del repertorio di De André come "Bocca di rosa", a riproporre nella serata di sabato 29 agosto e a distanza di quattordici anni dalla sua prima esecuzione, il "multiconcerto" intitolato "Canti Randagi". Passerà in rassegna alcuni emozionanti spezzoni della musica di Faber, condividendo il palco con altri eccellenti protagonisti del progetto originario come la cantante sarda Elena Ledda e come i lombardi Baraban, gruppo storico della scena folk italiana.

Ma torniamo al calendario del Festival. Si inizia giovedì 27 agosto con Raiz e Radicanto, protagonisti della sezione sperimentale "Antro suono". Creata e sviluppata per le viscere della terra, all'interno delle Grotte, proporrà ancora, ogni sera dalle ore 21, le inedite sonorizzazioni di Mimmo Maglionico con Gino Evangelista (venerdì 28), Elena Ledda con Mauro Palmas (sabato 29), Mario Arcari (domenica 30).

Ricca e intensa, la programmazione musicale prosegue sul palco centrale, "outdoor" nel verde del piazzale delle grotte, dove sempre da giovedì 27, alle ore 22 circa, è in programma un doppio concerto con i suoni etno–rock dei Porto Flamingo e, a seguire, con Cisco, indiscusso protagonista del combat-folk italiano, al suo nuovo appuntamento da solista dopo l'esperienza leggendaria con i Modena City Ramblers, di cui è stato co-fondatore e carismatico leader. Venerdì 28 il festival si apre alla cultura musicale araba, nelle contaminazioni, rispettivamente, "napoletane", proposte nell'incontro tra i Pietrarsa di Mimmo Maglionico con il tunisino cantante percussionista Marzouk Mejri, ed "andaluse" con la Tangeri Café Orchestra, straordinario ensemble di musicisti del Marocco. Dopo i "Canti randagi", la programmazione del festival si chiude domenica 30 agosto, quando entrerà in scena la travolgente onda sonora del progetto speciale di Roy Paci. In esclusiva per "Negro 2009", e sposandone completamente la filosofia, propone il suo "Extra vagante", live costruito intorno ai suoi Aretuska per accogliere ospiti ed interpreti da differenti aree culturali.

Ma non finisce qui. Ogni notte il Festival prosegue con alcuni speciali dj-sets: Stefano Miele propone quattro diverse selezioni etno-dance create apposta per Negro Festival, da ballare (e sognare) fino all'aurora.

Tante altre poi le attività che si svolgeranno lungo le sponde del fiume Negro, che ogni tanto emerge in superficie dopo chilometri di percorso nelle viscere della terra. Alla musica si vanno, infatti, ad aggiungere molteplici iniziative programmate dalla "quattro giorni" di Pertosa, come, ad esempio, le attività della sezione 'Negro Speleotrekking', con le escursioni curate dal Pertosa Trekking Club – Gruppo Escursionistico Trekking / F.I.E. e le proposte di Negrosapori, Negroartigianato, Negrolibri e, soprattutto, Negrosolidarietà che quest'anno riserva il suo spazio all'Africa, con la presenza di vari gruppi di volontariato che operano in e a favore di questo continente. Per il pubblico che vorrà fermarsi per i quattro giorni del festival sono disponibili aree attrezzate "free camping" e aree parcheggio con servizio navetta.

Pronte le torce e gli elmetti? Preparatevi all'immersione nei suoni della natura, preparatevi ad aggirarvi tra grotte e cavità naturali, come novelli speleologi, speleologi dell'etnosound però!

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017