Excite

Nuova Zelanda, Mozart contro il crimine

La musica di Mozart contro la criminalità. Sembra una delle solite boutade, sostenute da flebili studi scientifici e rilanciate in pompa magna dalla stampa, che non cerca altro per colorare le pagine di 'società'. E invece, a quanto pare, arriva dalla Nuova Zelanda l'ennesima conferma di come le sinfonie del compositore austriaco, uno dei giganti della musica di ogni tempo, siano molto utili per abbattere gli indicatori legati al microcrimine.

A riferirlo la polizia di Christchurch, terza città della Nuova Zelanda per popolazione, che ha reso note le statistiche su crimini minori commessi nel City Mall, il quartiere commerciale dal 2006 al centro di un'opera di riqualificazione. E dal 2009, guarda un po', allietato dalla musica di Mozart attraverso una serie di altoparlanti installati per le strade principali.

Risultato? State a sentire questi numeri: nell'ottobre 2008 gli agenti municipali della zona avevano rilevato 77 crimini a settimana. Quest'anno, nello stesso periodo, sono stati soltanto due. Scomparsi gli incidenti legati a droghe e alcol: ne erano stati rilevati 16 nel 2008, zero nel 2010.

Oltre tutto, il genio di Salisburgo sembra avere effetti non poco benefici su commercianti e clientela: i primi hanno infatti riferito di non aver più registrato alcun caso di clienti rissosi, per i quali in precedenza avevano dovuto ricorrere alla polizia.

'Se ti trovi in un'area che sembra deserta - ha detto il sergente maggiore Gordon Spite, della polizia municipale di Christchurch - è un chiaro messaggio che a nessuno importa di quel che succede e puoi far quel che ti pare'. Mentre dove c'è il concerto per pianoforte o clavicembalo di Mozart, c'è pace. E soprattutto, a quanto pare, non ci sono i giovani, le teste calde, i casinisti: a quelli, l'austriaco non va proprio giù.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017