Excite

One Direction: Zayn Malik minacciato di morte dopo il tweet #FreePalestine

  • Getty Images

Solo due semplici parole su Twitter per Zayn Malik degli One Direction, #FreePalestine, un hashtag che in pochissimi minuti ha scatenato l'inferno. Sicuramente Zayn ci avrà pensato più di una volta prima di condividere questa richiesta-lamentela con i suoi 13 milioni di follower, al di là di coloro che hanno apprezzato la presa di posizione del directioner, escludendo tutti quelli che non sanno nemmeno di cosa stia parlando, il restante pubblico del suo account Twitter non ha per niente apprezzato questa sua uscita.

Scopri i 10 must della fan perfetta dei One Direction

Moltissimi, infatti, i tweet che contengono esplicite minacce di morte nei confronti di Zayn Malik, parole dure e anche pericolose, che vengono non solo da un pubblico generale ma anche da directioner convinti, che pochi tweet prima sostenevano gli One Direction e il lavoro di Zayn all'interno della band. Dopo i primi tweet di minaccia con frasi come “lascia che ti uccida” e “vatti ad ammazzare”, sulla lunga lista dei commenti, con quasi 200 mila retweet, è iniziata una vera e propria diatriba tra i fan sulla questione arabo-israeliana, tra chi difende il popolo palestinese, chi quello d'Israele e, infine, coloro che vogliono semplicemente la pace. Una pace difficile da ottenere in una guerra che dura da secoli e che ha visto, solo nell'ultimo scontro sulla striscia di Gaza, più di 1000 morti palestinesi e circa una quarantina di israeliani.

Guarda le foto della campagna #JewsAndArabsRefuseToBeEnemies

Zayn Malik non è l'unica star ad aver fatto questo passo, anche Rihanna aveva scritto #FreePalestine su Twitter, ma le reazioni violente l'avevano portata a cancellare il suo tweet in men che non si dica, mentre il membro degli One Direction, non ci pensa proprio a cancellare il suo. Secondo il The Independent, Malik sarebbe cresciuto secondo le leggi della religione musulmana, probabilmente lui si è reso perfettamente conto di cosa avrebbe scatenato con quel tweet, ma non gli è interessato, volendo portare avanti la causa della Palestina con i suoi morti.

Sicuramente Zayn Malik avrebbe potuto usare #JewAndArabsRefuseToBeEnemies come hashtag, la campagna per la pace tra Israele e Palestina che sta andando avanti su twitter con le foto di coloro che sono figli di entrambi i lati del conflitto. Sono comunque in molti a chiedere la fine del conflitto, sia dalla Palestina che da Israele si alzano le voci delle persone che sono direttamente coinvolte nello scontro e che non vogliono vedere i loro cari morire sotto le bombe o in scontri, che spesso, risultano anche essere fratricidi ormai.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017