Excite

Pet Shop Boys - Back to mine

Etichetta: Dmc Records - Voto: 7.5
Brano migliore: Ti sento, Dont cry tonight, At dusk, DD Rhodes
Acquista il disco su Ebay

Quella realizzata dai Pet Shop Boys rappresenta un caso anomalo nella storia delle celebri compilation d'artista Back To Mine . In sostanza il duo ha voluto sovvertire le regole e realizzare un doppio CD. Uno disco a testa.

di Joyello

L'idea, se si considera anche il fatto che il prezzo di vendita è rimasto quello di un album singolo, è vincente poiché l'intento dell'operazione (quello di far conoscere ispiratori ed idoli) appare così perseguito in maniera totale.
Diciamo subito che i due CD sono piuttosto diversi l'uno dall'altro e se (a sorpresa) l'amante della pop music più easy risulta essere Chris Lowe, Neil Tennant realizza un disco sovraccarico di avanguardia, musica classica e trip hop d'autore.
Il risultato, sentito nel suo insieme, è sorprendente e nel CD di Lowe fa piacere riascoltare anche un paio di vecchie glorie della dance anni 80 alla quale i PSB hanno sempre dichiarato di ispirarsi.
Un paio di esse, tra l'altro, sono italiane e se ci pare strano che un prodotto da sala di incisione come Don't Cry Tonight di Savage (all'anagrafe Roberto Zanetti di Massa Carrara), sia stato ispiratore per la musica della Pop Band più famosa d'Europa, ci fa piacere scoprire che tra questi ci sono anche i Matia Bazar di Ti sento (in versione extended) che, indubbiamente, rappresenta un caposaldo della musica dance di casa nostra anche perché, caso quasi isolato per l'epoca, cantato in italiano.
Di divertente c'è anche Passion di The Flirts che, uscita in contemporanea con Blue Monday dei New Order , accese la polemica su chi dei due stesse copiando l'altro . Riascoltata oggi ogni dubbio viene cancellato.
La compilation di Tennant, invece, punta più sul(l'innegabile) lato intellettuale del duo e distribuisce una manciata di pezzi d'atmosfera ricercatissimi e in contrapposizione con la selezione (volutamente) cheap del collega. C'è Harlod Budd e L'Ensemble Opus Posth, c'è il sassofonista ECM John Surman e il grande pianista russo Emil Gilels del quale, proprio tra pochi giorni, il 15 ottobre scade il ventennale della morte.
Non mancano le incursioni nella musica da film (Vladimir Cosma, Craig Armstrong) né le apparizioni dell'avanguardia più esterma (www.jz-arkh.co.uk, Lunz, Closet Musik) per un risultato davvero sorprendente e intenso.
Unico punto di contatto tra le due compilation è rappresentato da Dusty Springfield. La compianta star britannica, del rilancio della quale i Pet Shop Boys furono artefici sul finire degli anni 80, è presente in entrambi i CD con due splendide ballate d'epoca. Tennant sceglie Going Back , Lowe opta per I'd rather leave while I'm in love .

Note:
a) il nome dei Matia Bazar, è riportato in copertina come Matia Bazaar.
b) non ho notizie riguardo la versione in vinile, solitamente doppia, se sia in questo caso quadrupla
c) contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, entrambi i dischi sono senza soluzione di continuità anche quello di Tennant. :-)
d) quello di PSB non è l'ultimo volume di BACK TO MINE . E' uscita in aprile e due mesi dopo è stata pibblicata quella di Adam Freeland. A gennaio è attesissima l'uscita di quella compilata da Liam Howlett dei Prodigy.

In rete:

- Pet Shop Boys, sito ufficiale

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017