Excite

Pete Seeger: morto il maestro del folk americano, attivista politico ed ecologista

  • Getty Images

Muore alla venerandaetà di 94 anni Peter Seeger, conosciuto come Pete, il cantautore americano tra i maggiori esponenti del folk a stelle e strisce. Deceduto all'ospedale di New York, si è spento dopo una breve malattia per cause naturali, a dare la notizia è stato il nipote. Siege aveva iniziato la sua carriera nel lontano 1958, compose diversi tra i classici della folk music americana, tra cui “If I Had a Hammer” e “Turn! Turn! Turn!”, “The Bells of Rhymney” e una versione dello spiritual “We Shall Overcome”.

Un altro grande successo di Seeger fu “Where Have All the Flowers Gone?”, canzone contro la guerra che vide diverse interpretazioni da parte di artisti come Joan Baez, The Kingston Trio e anche dalla cantante Ksenia Prohaska, che la inserì nel suo monodramma musicale “Marlene Dietrich”, in quanto la diva lo aveva inserito nel suo repertorio nel 1962. Seeger scrisse anche la prima versione del manuale che diventò il vademecum di intere generazioni di suonatori di banjo, dal titolo “How to Play the Five-String Banjo”.

Figlio di un musicologo tra i primi ricercatori impegnati nel campo della musica orientale, la famiglia di Seeger era composta da tre fratelli, di cui anche Mike e Peggy diventarono musicisti. Fondamentale, nella sua vita, fu l'incontro con Woody Guthrie, con il quale girerà tutta l'America durante gli anni '40, in una ricerca della vera anima musicale del popolo americano.

Seeger è stato un attivista politico di estrema sinistra, noto comunista vittima del maccaratismo degli anni '50, lasciò definitivamente il Partito Comunista Statunitense quando vennero resi noti al mondo i crimini compiuti da Stalin. La sua vita rimase comunque costellata dall'attivismo politico e sociale fino alla fine. Vi fu uno storico intervento, presso un popolare programma televisivo, dove Seeger, cantò “Waist Deep in the Big Muddy”, una delle prime canzoni contro la guerra del Vietnam. La trasmissione venne interrotta dalla censura. Seeger negli anni continuò la sua personale battaglia, concentrandosi però su cause di carattere ambientalista. Eddie Vedder lo aveva citato tra i suoi maestri di vita, parlando dell'arte come forma di protesta non violenta contro le oppressioni del governo.

Guarda Pete Seeger nella sua ultima apparizione al Farm Aid 2013

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017