Excite

Processo Jackson, finirà a luglio?

A giugno saranno due anni senza il Re del Pop. Una morte, quella di Michael Jackson, condita in venti mesi circa di dubbi e supposizioni.

Ma a che punto siamo? Qualche giorno fa a Los Angeles sono iniziate le selezioni relative ai dodici giurati che presenzieranno al processo. Quello che vede come solo imputato Conrad Murray. E Michael Pastor, il giudice della Superior Court della città californiana, ha fatto sapere che il verdetto potrebbe esserci intorno al 1 luglio.

Jackson, al via il processo sulla morte

Si suppone che gli avvocati di Murray tenteranno di dimostrare ancora una olta che Michael si suicidò, iniettandosi da solo la dose fatale del potente anestetico che lo portò alla morte. Centosessanta, comunque, le persone che si sono presentate per questo ruolo. Ad ognuno dei candidati è stato fornito un questionario da 27 pagine il cui contenuto non è stato divulgato.

E si apprende che Murray starebbe cercando di scaricare una parte di colpa sul dermatologo Arnold Klein. Quest'ultimo, infatti, avrebbe somministrato ripetuttamente Demerol e Midazolam a Jackson rendedolo indipendente dai farmaci. In particolare, Klein avrebbe iniettato il Demerol a Jackson in ben 51 occasioni nei 3 mesi prima della scomparsa.

(foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019