Excite

Rem, è il momento di Collapse into now

Non solo la festa delle donne. L'otto marzo 2011 resterà alla storia musicale per aver partorito il nuovo album dei Rem, l'iperannunciato e attesissimo Collapse into now. 'Sono soddisfatto, sembra il lavoro di tre uomini che si conoscono da trent'anni', racconta alla Stampa Michael Stipe, anima e cuore del gruppo di Athens.

'Una delle idee fondamentali di questo disco – spiega l'istrionico cantante – è l'importanza dell'esplorare il presente e l'attimo esatto. Non sono un buddista, ma c'è uno sforzo filosofico nell'essere nel momento'. Stipe si ritiene 'un 51enne del XX secolo che parla a un ragazzo di dieci anni' e sulle sorti del mondo dichiara: 'Sono orgoglioso che il mio paese abbia eletto Obama. È stato come riconoscere la distruzione fatta dall'amministrazione Bush e in particolare da Dick Cheney, il vicepresidente. Oggi dobbiamo avere pazienza con Obama che vuole far riemergere quello stato sociale che è stato distrutto da Bush e prima da Reagan'.

Guarda le foto dei Rem

Nell'album, un videoclip accompagna ogni brano. E che firme, alla regia. Da James Franco a San Taylor-Wood passando per Albert Maysles: 'Il concetto di album come lavoro corposo, diviso in canzoni diverse, ciascuna importante come le altre, non è passato bene dal XX al XXI secolo - conclude il cantante - l'idea di una serie di brani che metti su disco che si compra nei negozi è morta. Queste rappresentazioni visive sono il nostro modo di concepire un album nel 2011'.

Tante, come annunciato più volte, le collaborazioni. Si va da Peaches a Patti Smith passando per Eddie Vedder dei Pearl Jam e Joel Gibb degli Hidden Camera. Peccato, però, che a quanto pare non sarà semplice vederei Rem dal vivo: 'Questa volta non ci sarà un tour - conferma Stipe - vorrei che solo il disco sia 'il momento''.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019