Excite

Sanremo 2013: quarta serata in diretta

  • Sanremo.rai.it

20.48 - Puntuale inizia la quarta serata della 63esima edizione del Festival di Sanremo dedicata a Sanremo Story: un omaggio alle canzoni che hanno fatto la storia del festival eseguite dai 14 Campioni in gara, alcuni in coppia con altri artisti: tra quelli annunciati questa mattina in conferenza stampa Antonella Ruggiero con Marta sui Tubi, Emma Marrone con Annalisa, Franco Cerri con Simona Molinari e Peter Cincotti. Ci sarà anche Rocco Siffredi in duetto con Elio e le Storie Tese, ma gli ospiti principali saranno il musicista brasiliano Caetano Veloso, che festeggia 40 anni di carriera, e il grande Bippo Baudo.

20.51 - Fabio Fazio e Luciana Littizzetto ripercorrono i testi di alcune canzoni della storia italiana, le musiche del tempo come "Vecchio Scarpone" o "Povero amico mio", un excursus storico che attraverso le parole di Luciana diventa subito spazietto "Che tempo che fa", ovvero gag comica e divertenta per merito di Lucianina.

21.00 - Ecco arrivare la ‘diva’ del Festival. Sempre pomposa nel suo vestitino nero con scollo a barchetta anni '60 Malika Ayane coverizza “Cosa hai messo nel caffè” di Riccardo del Turco e Antoine. Il brano arrivò ultimo al Sanremo del 1969. Riuscirà Malika a fare di maglio insieme ai insieme ai ballerini Paolo Vecchione e Thomas Signorelli? Sembrerebbe di si, la canzone le calza come tutte le canzoni di quel periodo d'altronde; i due ballerini fanno il mimo alle sue spalle e lei è all'altezza del pezzo.

21.03 - Grande momento di commozione in sala. A regalarcelo è Daniele Silvestri con il brano di Lucio Dalla, “Piazza grande”, canzone che partecipò a Sanremo nel 1972 arrivando ottava. Fazio ricorda, tra l'altro, che da stamane la sala stampa dell'Artiston omaggia il grande Lucio prendendone il nome.

21.19 - Fazio presenta la giuria di qualità composta da Nicola Piovani(presidente), Eleonora Abbagnato, Stefano Bartezzaghi, Cecilia Chailly, Claudio Coccoluto, Serena Dandini, Paolo Giordano, Nicoletta Mantovani, Rita Marcotulli e Neri Marcorè al posto di Carlo Verdone (infortunato). Ricordiamo infatti che questa sera serà annunciato il vincitore dei Giovani.

21.22 - Annalisa Scarrone sale sul palco accompagnata dalla sua amica Emma Marrone, vincitrice della scorsa edizione di Sanremo. Nate entrambe in un talent show, la prima a X Factor, la seconda ad “Amici” della De Filippi le due cantanti si riuniscono sul palco dell’Ariston per cantare insieme lo storico pezzo scritto da Franco Battiato per la cantante Alice targato 1981 e intitolato “Per Elisa”.

21.28 - Marta sui Tubi con Antonella Ruggierocoverizzano “Nessuno”. Il brano è stato presentato al Festival di Sanremo 1959 da Wilma De Angelis e da Betty Curtis. La canzone giunse all’ottavo posto nella classifica finale e fu successivamente inciso anche da Mina, all’epoca 19enne e praticamente ancora sconosciuta.

21.36 - Fazio chiama sul palco i conduttori del Festival di Sanremo 1989: quello dei figli d’arte, ribattezzati “Grandissimi figli di”, dalla Littizzetto: Rosita Celentano, Denny Quinn, Gianmarco Tognazzi.

21.45 - Altro artista quotato di questo Sanremo. Si esibisce Raphael Gualazzi con “Luce (tramonti a nord est)” di Elisa e Zucchero, brano sanremese del 2001. Una magnifica ballata al piano con accompagnamento jazz.

21.50 - Altro brano degli anni ’60 per i Modà che portano sul palco la canzone “Io che non vivo” di Pino Donaggio e Jody Miller, 1965. La band di Kekko è accompagnata dal musicista e direttore d’orchestra Adriano Pennino che li accompagna al piano. Da dolce ballata romantica, la canzone presto si sconvolge con inserzioni rock e squarci di tamburi. Modà Style!

21.58 - Simone Cristicchi sceglie di cimentarsi con un brano molto difficile. Porta sul palco “Canzone per te” di Sergio Endrigo e Roberto Carlos. Il compianto cantautore romano partecipò infatti con questo pezzo a Sanremo nel 1968.

22.04 - Littizzetto entra con il secondo abito storico. Dopo aver indossato un abito di Nilla Pizzi ad inizio serata, ora è vestita con un abito di Caterina Caselli, stile 'educanda' anni '60.

22.10 - Simona Molinari e Peter Cincotti con il grande chitarrista Franco Cerri si lanciano nella cover di “Tua” (Jula De Palma, Tonina Torrielli, 1959). Il duo sceglie come proprio special guest un grande esperto di jazz e chitarre, e chi meglio di lui d’altronde avrebbe potuto modulare la voce teatrale e suadente di Simona? Insomma, altra scelta mirata da platea sanremese. D’altronde la cantante 30enne ha già inciso questa canzone: “Tua”, infatti, è contenuta nell’album della Molinari, pubblicato nel 2011, che porta lo stesso titolo della cover.

22.19 - Sempre molto sobria, Maria Nazionale sale sul palco e canta “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri, brano che vinse Sanremo nel 1988. La cantante partenopea è accompagnata dalla chitarra di Mauro Di Domenico al lungo al servizio di Massimo Ranieri. Il chitarrista impreziosisce la potente interpretazione della Nazionale regalando alla platea attimi di falicità... neomelodica.

22.25 - Marco Mengoni si cimenta con una canzone cara alla storia del Festival: canta “Ciao amore ciao” di Luigi Tenco del 1967. Un Mengoni emozionatissimo, trema, e a fine interpretazione gli scappa giù anche una lacrima.

22.32 - Parte l'omaggio al grande Mike Bongiorno. Scorrono su video i momenti più divertenti ed emozionanti del conduttore sul palco dell'Ariston in occasione dell'inaugurazione di una statua a lui dedicata a Sanremo. La moglie Daniela Bongiorno e i figli in esterna con Fabio Fazio ricordano il compianto conduttore e la Fondazione "Allegria" fondata un anno fa'.

22.43 - Ecco finalmente gli Elio e le Storie Tese. Il loro è di certo il duetto più atteso della serata. Il gruppo milanese sale sul palco con una loro vecchia conoscenza Rocco Siffredi portando sul palco (per la legge del contrappasso) la canzone “Un bacio piccolissimo” di Robertino e Bobby Rydell del 1964. Le vere star del Festival con la loro “Canzone mononota” stupiscono tutti, divertono con grosse risate e centrano a pieno il bersaglio... con il divo del porno!

22.50 - Max Gazzè coverizza la storica canzone di Nada “Ma che freddo fa” del 1969.

22.57 - Altro momento storico. Sul palco Pippo Baudo, tredici volte in veste di conduttore, record assoluto di Sanremo, Pippo è il primo grande ospite della serata. Lo storico presentatore siciliano porta la sua testimonianza 'sanremese', gli anni di carriera in Rai e gli episodi più divertenti della sua conduzione al Festival della canzone italiana.

23.24 - Chiara Galiazzo, altra grande favorita di questa edizione di Sanremo, si cimenta con un brano a dir poco facile: “Almeno tu nell'universo” di Mia Martini, 1989. La commozione è tanta, ma Chiara è brava e riesce nell’impresa anche emotiva di riuscire ad interpretare una della più belle canzoni italiane di sempre, scritta da una grande artista come Mia Martini.

23.28 - Gli Almamegretta, invece, vogliono proprio andare sul sicuro. Salgono accompagnati dal rapper napoletano Clementino con il brano “Il ragazzo della via Gluck” di Adriano Celentano, in concorso a Sanremo nel 1966. Insomma in assenza del frontman Raiz che ha dato forfait per rispettare lo Sabbath ebraico, la band vuole giustamente giocare in casa accontentando tutti gli amanti della “città del sole”. Oltre a Clementino, gli Almamegretta si sono trascinati dietro anche James Senese, altro storico musicista partenopeo, e Marcello Coleman. Insomma complice una canzone in gara un po’ rosicata (“Mamma non lo sa”) meglio “mogli e buoi dei paesi tuoi”.

23.34 - Stefano Bollani è il primo ospite musicale della serata. Luciana prova a coinvolgere il pubblico nel gioco delle canzoni a richiesta. Ne vengono scelte Ti lascerò, Almeno tu nell’universo, Volare, Terra promessa, Papaveri e papere. Bollani prende appunti. Bollani esegue!

23.48 - Inizia la gara dei Giovani. Il primo ad esibirsi è Antonio Maggio con "Mi servirebbe sapere". Bel testo e bel ritmo, un ritornello a metà strada fra Gazzè e Silvestri. Seconda finalista a cantare sul palco è Ilaria Porceddu con "In equilibrio", ghirigori melodici e ritornello cantato in sardo. E' la volta del terzo concorrente in gara. Sono la rock band dei Blastema con "Dietro l'intima ragione". Un po' Renga, un po' Timoria, un po' Muse negli arranggiamenti in pompa magna del brano. Quarto e ultimo finalista Renzo Rubino al piano con “Il postino (amami uomo)”. Una canzone pop ha tutti gli effetti che parla di un amore omosessuale. Vincerà? E' probabile, al momento è il 'giovane' più quotato.

00.21 - Manca pochissimo e scopriremo il vincitore dei Giovani di Sanremo 2013. Prima di proclamare il verdetto Fazio invita sul palco l'ultimo ospite della serata: il musicista brasiliano Caetano Veloso, che festeggia 40 anni di carriera. Bollani e Veloso eseguono insieme il brano "Come prima".

00.34 - Nicola Piovani consegna il premio come "Miglior testo" a Il Cile con la canzone "Le parole non servono più" di Domenico Modugno e Tony Dallara.

00.46 - Il Premio della critica "Mia Martini", va ad Enzo Rubino con "Il postino (amami uomo)". Vince Sanremo Giovani 2013, Antonio Maggio con "Mi servirebbe sapere".

Appuntamento a domani per la Finalissma di Sanremo 2013.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017