Excite

Sanremo Giovani, Rakele porta l’elettronica all’Ariston: X Factor, le polemiche, i progetti (intervista Excite)

di Simone Rausi

A pochi giorni dall’inizio del 65° Festival di Sanremo incontriamo Rakele, una degli otto giovani che si sfideranno sul palco dell’Ariston dal prossimo 10 Febbraio.

Non si conosce molto di te, anche cercando in rete. Chi è Rakele?

Rakele sono io. Mi scoprirete piano piano…

Il tuo pezzo è giù su Itunes e in streaming su tutte le piattaform. Qualche dato sull’andamento? Aspettative?

L'andamento del pezzo non è al momento la mia preoccupazione. La mia aspettativa più grande è quella di dare vita ad un progetto artistico valido.

Conosci i tuoi colleghi di Sanremo Giovani? Chi stimi o temi particolarmente, fammi un nome.

Stimo tutti e non temo nessuno, ma non per presunzione. Credo che la musica sia condivisione, non divisione.

Parlaci del video girato a Barcellona. È il tuo primo videoclip?

E' stata un'esperienza pazzesca girare il videoclip a Barcellona nelle ore più impensate della giornata. Passeggiare all'alba e respirare il tramonto in una città che non consoci è sempre una grande esperienza soprattutto se stai girando il tuo primo videoclip.

Hai già un singolo fuori, “Inverno perfetto”, ho letto di critiche dei fan perché nella cover fumi una sigaretta. Mi racconti?

In un momento di relax dopo un buon caffè, ho fumato una sigaretta e in quel momento un'amica mi ha scattato una foto. Senza pensarci troppo e senza ipocrisia ho deciso di pubblicarla. Chiaramente non voleva essere né un invito a fumare, né una provocazione.

Hai inciso Magic dei Coldplay, a chi ti ispiri?

Sono molto curiosa e ascolto musica di ogni genere. Lorde, Tove Lo, i Daughter e gli XX sono degli esempi.

Parliamo di Sanremo. Le vallette sono state ufficializzate: Arisa o Emma? Chi preferisci? Un nome secco, dai…

Emmarisa.

Sei nella stessa casa discografica che ha prodotto Skunk Anansie, Angunn, Bjork eppure la Carosello Records non rientra nelle grandi major …

La Carosello a differenza delle altre major punta sulla qualità e non sulla quantità. È un etichetta che lavora in modo meticoloso l'artista facendo attenzione anche a quei particolari che fanno la differenza. Credo sia la scelta più giusta per me e per questo progetto.

Sia nella casa discografica che a Sanremo ci sono molte persone provenienti dai talent. Tu hai mai provato? Come si arriva a far musica senza talent?

Diversi anni fa, mossa dalla curiosità provai per X Factor arrivando alla fase dei Bootcamp. Ho sempre fatto musica per conto mio, senza alcun tipo di visibilità. Poi ho avuto la fortuna di conoscere dei produttori che prima di tutto hanno voluto concretizzare le mie idee e il mio mondo musicale.

Tu non sai cos’è l’amore, per Tiziano Ferro è una cosa semplice. Mettetevi d’accordo!

Spero di poterlo dire anche io alla sua età, intanto le esperienze che ho vissuto non mi hanno dato una visione molto chiara sull'amore. Ho tutto il tempo davanti per poterlo capire.

Il tuo pezzo ha delle sonorità elettroniche. Il pubblico dell’Ariston è pronto?

Al di là dei suoni elettronici o meno, credo sia importante presentare un bel brano e noi ci abbiamo lavorato tanto. Siamo soddisfatti di cosa vi faremo ascoltare.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017