Excite

Sherwood Festival 2009 @ Padova!

Il Festival è intitolato a Sherwood ma non è ambientato nella leggendaria Foresta di Nottinghamshire e sul palco non salirà mica Robin Hood! La location è quella del parcheggio Nord del grande stadio di Padova mentre sotto le luci della ribalta si avvicenderanno invece una serie di musicisti, cantanti, band nazionali ed internazionali che, a cadenza regolare e fino al 18 Luglio, animeranno con la loro musica le tranquille notti padovane. Non vi incutesse timore il gufo-icona del Festival: si fa musica leggera, rock, boogaloo. Il massimo picco di tensione lo toccheremo coi The Prodigy, a cullarci ci penserà il dub di Giuliano Palma & The Bluebeaters. Ma andiamo con ordine!

Trova l'Event su Excite Bynight!

Dopo Tonino Carotone, Alborosie & I. Eye, i Meganoidi, Ascanio Celestini, la Bandabardò, Altavoz de Dia, Marta sui Tubi, gli Afterhours, ci aspettano ancora un bel po' di concerti "succosi", dai contenuti intriganti e musicalmente parecchio variegati. Cominciamo subito coni Motel Connection, il 10 Luglio e i Negrita, la sera successiva.

Sherwood Festival 2009

Evoluzione, transizione, ma anche impatto, intensità emotiva e l’abisso della fisicità. I Motel Connection (Samuel, già cantante dei Subsonica alterna microfono, macchine, chitarre e giradischi; Pierfunk vero e proprio scienziato del funk e Pisti, dj dalla presenza scenica dirompente) hanno un’anima dance, sintonizzata con le avanguardie internazionali tra house e techno. Ma la dimensione è anche quella dei live, del contatto diretto, del sudore, delle mani in aria. Voci, strumenti, macchine e solarità party-funk si incrociano in un’interazione rara, riuscendo a parlare sia a chi è abituato a vedere solo concerti rock, sia a chi pratica con rigore l’alfabeto della club culture, sia a chi ha voglia di divertirsi. Per i Negrita e la loro "Helldorado" invece tanta Africa, Latinoamerica, Jamaica, Spagna, il tutto mescolato ad una rock’n’roll attitude sempre più rara, creano atmosfere magiche e differenti.

Quella dei The Prodigy è l'unica data in Italia. Si raccomanda pertanto di allacciarsi le cinture e reggersi forte: con Liam Howlett, Keith Flint e Maxim è in arrivo un vortice inarrestabile di suoni e un lavoro discografico di livello davvero unico, con un intento dichiarato, "far rivivere il passato con chi ha l’urgenza di riprendersi il futuro". Il loro live, osannato in ogni angolo del mondo, è una lunga session di dance unita ad una rara follia, per una band che sul palco si diletta con gli strumenti tradizionali (chitarra-basso-batteria) uniti a sinth, macchine e soprattutto una naturale carica esplosiva e animalesca.

Di venerdì 17 invece arrivano i Subsonica, reduci dal successo del tour europeo concluso con i sold-out di Barcellona e Madrid a fine marzo 2009. Per loro non occorrono altre descrizioni, fuorchè la definizione ormai incalzante che li vuole "la band più rappresentativa dell’attuale scena musicale italiana". Nell’arco di poco più di dieci anni hanno valicato tutti i confini, dai circuiti alternativi e indipendenti a palchi di Festival solenni, passando per i luoghi della club culture, senza smarrire la propria identità e credibilità. Una sapiente fusione tra strumenti tradizionali e sonorità elettroniche, ai limiti dell'alternativismo.

Chiudono il Festival Giuliano Palma & The Bluesbeaters e il loro "Boogaloo". Così si chiama il loro ultimo album e la loro musica, una commistione di generi tra ska, pop, rock e reggae. Suoni, i loro, che rappresentano un aperto omaggio alla musica giamaicana degli Anni ’60 e non solo classici dello ska ma anche brani commerciali.

Come novelli e nostrani Robin Hood e Little John, ruberanno ai ricchi per dare ai poveri. Il bottino, si sa, è in musica. Urca urca tirulero!

Sherwood Festival 2009 - La musica prende forma

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017