Excite

Skunk Anansie, un live come ai vecchi tempi

di Simone Cosimi 

Erano quasi nove anni che non si esibivano col rinomato marchio Skunk Anansie. Anche se, ultime le date del giugno scorso a Londra come Scam e ancor prima le session per i due dischi solisti di Skin, non s’erano mai separati del tutto. Più che altro, s’è trattato di "una lunga pausa", come l’ha definita la scalmanata e pelata cantante ieri sera nella sala A degli studi Rai di via Asiago a Roma.

Si, perché a poco meno di un mese dall’inizio del tour della reunion, mamma Rai una volta tanto c'ha dato l'illusione d'essere la Bbc e ha messo in cascina un radioshow di quelli da leccarsi i baffi. Registrato il 12 ottobre, il concerto andrà infatti in onda su Radiodue nel periodo più caldo per la band britannica, quando sarà appunto in giro per l’Europa (in Italia il 15 novembre a Milano e il 16 a Firenze, leggi la news). Insomma: meno di 99 privilegiati fra cui il sottoscritto hanno dunque potuto assistere a una specie di prova generale, un’ora e un quarto di successi, oltre ai tre inediti contenuti in Smashes and Trashes, il Best of in uscita.

Guarda le foto di Skin

La carica è la solita, quella cioè di una rock band che ha saputo confezionare un suono potente ma attento alle necessità radiofoniche, partorendo straordinarie ballate come sembra che solo nel cuore degli anni Novanta si riuscisse a fare. Basti pensare alla clamorosa Hedonism, che ha chiuso la performance radiofonica. Tuttavia, dopo l’esperienza solista di Skin, senz'altro più morbida del materiale prodotto coi soci fra 1994 e 2001, rimane un po' il dubbio che gli Skunk Anansie si stiano pian piano involvendo in quel che ebbe a dire ormai tanti anni fa qualcuno dei Police: "Ci stiamo trasformando nella band di accompagnamento di un cantante pop". Senza nulla togliere al massiccio Cass al basso, al simpaticone Mark Richardson alla batteria (che ha ripreso senza sosta col telefonino pubblico e addetti ai lavori) e alla chitarra di Ace, c’è da dire che un gruppo può essere considerato tale quando, tolto un elemento dalla miscela, qualcosa cambia, si rompe un meccanismo, il suono non è più lo stesso. La premiata ditta Skunk Anansie, oggi più che mai, non sembra possa mai imbattersi in un rischio del genere: l’unico, imprescindibile ingrediente è la straordinaria voce di Skin, effettivamente unica nel panorama rock e su cui è letteralmente architettata una schiacciante percentuale dei pezzi.

Clicca qui per comprare i biglietti del tour degli Skunk Anansie

In ogni caso, da Charlie Big Potato ai nuovi Tear the Place Up e Because of You, gli Skunk Anansie hanno battuto un colpo, e se quelle di ieri sera erano le prove generali, c’è da aspettarsi un tour di grande impatto, che non deluderà gli aficionados.

Con chi ci piacerebbe collaborare? Bè, direi Britney Spears. [Pausa]. No, scherzo ovviamente. Ascoltiamo tante band, fra cui i King of Leon. Ma l’unica con cui ci piacerebbe collaborare sono gli Skunk Anansie”.

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017