Excite

System of a down - Hypnotize

Etichetta: Columbia - Voto: 4,5

Brano migliore: Holy Mountains
Acquista il cd su Ebay

Puntuale dopo 6 mesi dall'uscita di Mezmerize è arrivato il tanto atteso Hypnotize, ultimissima fatica del quartetto armeno chiamato System of a down, gruppo che è tra i maggiori protagonisti della scena (nu) metal contemporanea e che quantomeno gli va assegnato il merito di aver portato un'ondata di originalità ad un genere musicale che sta andando sempre più verso un declino profondo.


                                                                             a cura di Sabotatore


Ho trovato non poche difficoltà a fare questa recensione, in quanto stimando molto i SOAD non riesco davvero a capire come sia potuto uscire fuori dal loro studio di registrazione un lavoro così mediocre. Premettendo che la recensione è comunque un lavoro soggettivo di chi la recensisce, trovo quasi impossibile dare la sufficienza a questo lavoro, per diversi motivi che elencherò.
Prima di tutto, un album va si analizzato distinto dai lavori precendenti della band, ma in questo caso è doverosa un'eccezione: quando i System entrarono nella scena musicale nel 1998 con il loro primo album omonimo, hanno a dir poco sconvolto la scena musicale, senza contare l'immenso successo commerciale del suo successore, Toxicity, album che ha ispirato diversi gruppi emergenti e che risuona in qualsiasi discoteca rock ancora oggi con la fantastica Chop Suey. Con questi 2 primi album il mondo ha capito chi erano i System of a down e cosa soprattutto comunicavano, ovvero un chiaro e preciso messaggio politico che vedeva come obiettivo la politica imperialista americana.
Ora venendo ad oggi, un gruppo può vivere sulle spalle dei suoi 2 primi album? Non calcolando la raccolta di B-sides denominata Steal this album, pura opera lanciata col solo fine di un ritorno economico (far pagare 20 euro una raccolta di scarti è dura da digerire), Mezmerize, uscito dopo 4 anni da Toxicity, è stato un lavoro anch'esso scarso, in quanto ci si aspettava dopo 4 anni non dico un'altro capolavoro, ma quantomeno un qualche cosa di originale, oppure un continuare sulla strada dei precedenti lavori, invece il risultato è stato un album molto al di sotto delle possibilità dei SOAD.
Su Hypnotize, c'era da aspettarsi un risultato simile a Mezmerize, ma la cosa che mi sconvolge è che è addirittura peggiore, a causa di scelte tecniche del gruppo e dei produttori (lo stesso Daron Malakian e udite udite...Rick Rubin!) decisamente discutibili; a cominciare dalla vergognosa scelta di far uscire questi 2 album a distanza di 6 mesi, scelta anch'essa dettata da una pura logica del profitto: la durata complessiva dei 2 album è di 70 minuti circa, andavano benissimo su un solo cd, facevano almeno più bella figura: un bel controsenso il loro, da una parte messaggi contro le ingiustizie sociali e le guerre, e dall'altra una scelta musicale incentrata sul massimo profitto a discapito dei fan's.
Ma se non bastassero motivi strategici di natura commerciale a giustificare un lavoro mal riuscito, si aggiungono motivi tecnici proprio dove loro davano il meglio: sentendo Hypnotyze ci si rende conto della totale mancanza di idee soprattutto del loro principale compositore, Daron Malakian, che tira fuori dei riff banalissimi e scontati, solo in 3-4 pezzi si ragiunge uno standard accettabile, il resto è robaccia.
Altra nota negativa: la scelta di puntare sulla voce di Malakian, che come potrete rendervi conto in questo album ha la stessa importanza del vero cantane, Tankian: come poter mettere in secondo piano l'abilità vocale di quest'ultimo per dare spazio a Daron, che ha una voce a dir poco fastidiosa? finchè si trattava di fare i cori, li poteva fare, ma qui diventa un cantante vero e proprio, ed il risultato è a quanto meno negativo.
Entrando nello specifico dell'album, ho scelto come pezzo migliore Holy Mountains, che si distingue non solo per l'essere il brano più completo, ma anche quello che dura di più e quello sicuramente meglio riuscito.
Hypnotize inizia con Attack, discreto pezzo che fa illudere l'ascoltatore perchè non sa cosa lo aspetta dopo, ovvero Dreaming, un lamento scandaloso: qui non sembrano i System, ma un gruppo di tedeschi ubriachi che suonano x la prima volta hardcore; Rock'n roll è la terza traccia ed è tra le poche che si salva, anche se la voce di Malakian stona come al solito; segue il singolo che da anche il nome all'album, Hypnotyze...che è la sintesi di tutto il lavoro: riff anche buoni, ma interpretato malissimo il cantato da parte del solito Daron e Tankian che è costretto ad accettare la situazione scomoda; Stealing society è almeno un pezzo originale ed orecchiabile ma nulla di più, così come U-Fig.
Tentative inceve è un buon pezzo, dove i SOAD danno ancora segnali di vita; un pezzo tra i + scandalosi è She's Like Heroin, pura spazzatura, come Vicinity of obscenity. Lonely day sarebbe una ballata carina se la cantava Michael Bublè o Robbie Williams, ma non Malakian che riesce a rovinare anche questa melodia. Chude questo album osceno Solier Side, che non commento per non aggiungere note negative.
Per concludere, non posso che riaffermare la mediocrità di Hypnotize, che è sintomatico di un fattore che colpisce sempre più spesso i gruppi che raggiungono subito un imediato successo: mancanza di cratività, pubblicare album mediocri per rispettare le scadenze con la propria casa discografica spremendo le meningi ma non tirando fuori pezzi accettabili; è evidente che il gruppo risulta essere appagato e rilassato per i successi passati, ma questo non vuol dire che per titare avanti diventino la brutta copia di loro stesso, non è accettabile. Dai System of a down ci si deve aspettare qualche cosa di meglio, non queste cose commerciali.
Ultimissima cosa: spero che nella prossima tournee i System rendano meglio dal vivo, soprattutto Malakian, che arriva sul palco sempre strafatto e sbaglia tutti gli accordi, cosa inaccettabile per chi paga 40-50 euro il biglietto.


In rete:
- Sito ufficiale dei System of a down
- Foto dei System of a down
- Ti piacciono? Ascolta anche Biohazard, Korn, Fear Factory



musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017