Excite

The Killers Hot Fuss

Etichetta: Island Voto: 7.5/8
Brani Migliori: Smile Like You Mean It Andy, Youre A Star Somebody Told Me
 
Uno dei luoghi comuni più in voga negli ultimi anni nella critica musicale è senza dubbio quello di citare sempre e comunque, spesso a sproposito, la geniale sentenza di Manuel Agnelli non si esce vivi dagli anni 80.
Non vi azzardate a farlo in questo caso.

 
Se allattacco della prima traccia, Jenny Was A Friend Of Mine, il pensiero vi volerà immediatamente verso il ciuffo ribelle di John Taylor e agli strilli di Simon Le Bon, sappiate che è tutto ok, fa lo stesso effetto a tutti. Ma già lo sviluppo del pezzo stesso lascia intuire una forte personalità ed unattitidine indie-rock che fa ben sperare per il proseguio dellascolto.

I The Killers sono americani, del Nevada, e si sente. Il cantato di Brandon Flowers ha infatti le tipiche inflessioni emo che da quelle parti sembrano ormai la conditio sine qua non per mettersi davanti ad un microfono. Londinese invece è letichetta che li ha scoperti (la Lizard King), così come tutto inglese è limmaginario che esce fuori dalle undici tracce di Hot Fuss: new wave, tastiere eighties unite a quella cattiveria acerba e melodica che fa venire in mente il gruppo american-english per eccellenza di questi ultimi anni: i mai abbastanza celebrati Idlewild.
 
Già due singoli (Mr.Brightside e lirreristibile Somebody Told Me) sono stati tratti da questo album, ma qualsiasi altro pezzo sarebbe potuto andar bene: siamo in presenza, infatti, di uno di quei dischi con i quali si riesce a provare quella piacevole e rara sensazione che solo lassenza di riempitivi riesce a dare.

Qualche esempio?
Smile Like You Mean It è pura e cristallina new wave che vola sospesa sulle ali di un bellissimo tappeto di tastiere; Andy You Are A Star comincia con passo marziale e cupo (che riff ragazzi!) e per poi aprirsi in un ritornello epico alla Bowie vecchia maniera; la trascinante Midnight Show ritorna di nuovo sui pericolosi lidi del duranesimo di ritorno uscendone a testa alta, mentre Believe Me Natalie è una piccola suite in onore del rock con la lacca e le spalline.
 
Citazionisti? Sì. Sanno di già sentito? Pure. Non hanno scoperto niente? Ok, ok Oh però che noiosi che siete. Continuate a sentirvi i vostri Radiohead e Sigùr Ros allora.
E non rompete con ste domande.
 
 
In rete:

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017