Excite

Tiga for L-ektrica @ Akab!

"Ciao Mondo!", o meglio "Ciao World". Tiga l'ha chiamato così, il suo nuovo tour. La declinazione live del suo album, che si chiama più semplicemente "Ciao". C'era da aspettarsi di meglio, dal fantasioso Tiga, per battezzare il suo concentrato di musica elettronica. Ma è la semplicità ad averla vinta, in copertina almeno. Il contenuto, poi, è roba di un altro pianeta. Tiga, vero nome Tiga James Sontag (o meglio, "il principino canadese della musica elettronica", come amano definirlo e come lui ama farsi definire), dj producer e musicista canadese, è in tour per presentare i suoi ultimi lavori. E il tour questa Primavera passerà anche per Roma, dall'Akab, proprio domani notte.

Trova l'Evento su Excite ByNight!

La sua storia è interessante, un produttivo viavai tra il Canada e l'India. E in entrambi i posti ha sconvolto modi e abitudini dei più giovani, dando vita ai primi rave party, in faccia al conformismo. Tiga ha seguito da bambino in India i genitori e proprio lì ha iniziato ad organizzare i primi party. Se Goa è divenuto un centro di divertimento e sballo elettronico tra i più quotati, dicono, il merito è anche suo. Di ritorno in Canada, si è diplomato alla Selwyn House School, un istituto prestigioso a Westmount. E prima di compiere il grande passo verso la produzione musicale, non si è lasciato sfuggire l'occasione di organizzare svariati rave party a Montreal. Stiamo parlando dei primi anni '90, mentre nel 1994 ha aperto DNA Records, il suo negozio di dischi, e nel '98 ha fondato l'etichetta Turbo Recordings.

Per i più è diventato famoso con i remix di "Washing Up" di Tomas Andersson, "Madame Hollywood" di Felix da Housecat e "Comfortably Numb" degli Scissor Sisters, oltre che per la cover di "Hot in Herre" di Nelly e di "Sunglasses at Night" di Corey Hart. Ma il suo panorama musicale è ben più vasto, e spazia dall'elettropop anni ’80, al romanticismo degli Smiths, alla tecnologia distorta dei Nine Inch Nails, fino al folk di Van Morrison. E' un alternativo già nel personaggio che si è creato, visibilmente molto curato e con dettagli tra il dark e il fashion-victim anni '80. Non omette mai di usare il suo eyeliner, però...che tipo!

In questi ultimi 10 anni ha lavorato pure con Zyntherius, Richard X e Jake Shears, ha collaborato con Mateo Murphy (con cui forna il duo TGV) e con Jesper Dahlback, che ha prodotto molti dei suoi ultimi remix. SI è fatti amici anche i Soulwax, che hanno prodotto metà delle tracce di Sexor (l'altra metà sono by Dahlback), il suo ultimo album. La canzone "3 Weeks" è stata ripetutamente suonata nei clubs di tutto il mondo, "You gonna want me" è passata invece per discoteche, clubs e radio internazionali. Ora se n'è uscito con "Ciao", un viaggio stellare nei ritmi electro, nelle atmosfere techno, nell'infuocata house più underground, quelle sonorità che caratterizzano le notti più mood nei club di tutto il mondo. A Roma, ci aspettiamo i suoi fluidi beat musicali e qualche posa fotografica freak, gridando magari "Ciao, Italia!". Tipicamente Tiga-style!

Tiga @ Amore '09

Tiga - You gonna want me

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017