Excite

Otto marzo: Berlin Cabaret

Partiamo dal dress code consigliato dallo staff, tanto per entrare al volo nell'atmosfera adeguata: 'Marlene Dietrich, cabaret e Liza Minnelli, charleston, cilindri e smoking, teatrini decadenti, donne fatali, Metropolis e Fritz Lang, aristocratici sotto effetto di oppiacei, uomini in uniforme, Nosferatu, Lulù e Louise Brooks, Bahuaus, violinisti stonati e trombettisti stanchi'.

La notizia in pillole su byNight: tutte le info!

Ma dove? Come? Quando? E soprattutto: perché?
Una cosa alla volta, per carità. Martedì 8 marzo - oh yes, la Festa della Donna - il Micca Club organizza 'Berlin Cabaret'. Sì perché la città tedesca che adesso è fucina e vero vivaio della musica elettronica, decenni fa era già teatro di avanguardie, benché diverse. Durante gli anni venti infatti, era il centro artistico europeo e i suoi caffè luogo di ritrovo degli intellettuali. La vita culturale esplodeva nel teatro innovativo, nelle prime cinematografiche, cabaret e varietà. Un clima che ricorda l'Angelo Azzurro' di Josef von Sternberg e interpretato da Marlene Dietrich, l'icona femminile per eccellenza, ma anche dalla penna di Ishervood nel suo 'Addio A Berlino', libro reso celebre dal film 'Cabaret' con Liza Minnelli. E già con questa parentesi abbiamo individuato alcune delle ragioni del dress code suddetto. Ma proseguiamo.

L'angelo azzurro

Grande protagonista di questa serata sarà Vibrissa, cantattrice dal gusto retrò, genuino e vagamente osè che si sta affermando sulla scena italiana come unica cover singer di Ruth Wallis in italiano e già regina del venerdì Velvet Cabaret. Si esibirà con Red Mamba, Rudy Colorado e Martina direttamente dai Fools, coordinati alla regia da Luigi Orfeo. Ad accompagnarli, i musicisti della capitale che sono ormai un tutt'uno con il burlesque: i Velvettoni.

Photo credits: PASCAL PINO PHOTO

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020