Excite

Vinicio Capossela produce il "Primo ballo", album d'esordio della Banda della Posta

  • Facebook ufficiale Vinicio Capossela

Siamo abituati a conoscerlo nei panni di compositore e musicista dalle mille identità sonore, sempre a caccia di nuovi mondi musicali da riportare sul palco: Vinicio Capossela dismette ora temporaneamente i panni dell'artista per indossare quelli del compositore, in occasione del debutto discografico della Banda della Posta.

Guarda le foto di Vinicio Capossela al Concerto del Primo Maggio

La formazione non è una conoscenza nuova per Vinicio e per il suo pubblico: la Banda della Posta si è già esibita con l'artista in occasione di importanti appuntamenti live, tra i quali il My Festival, rassegna musicale romana organizzata da Patti Smith, e il Concerto del Primo Maggio, che si è tenuto sempre nella capitale. La band è pronta ora a muovere i suoi primi passi in autonomia ed entrare ufficialmente nel mercato discografico con la pubblicazione dell'album "Primo ballo", in vendita a partire da domani.

Non stupisce l'appoggio di Vinicio nei confronti della band, che rivela un'anima musicale altrettanto poliedrica e sempre all'attenta ricerca di suoni di diversi luoghi e tempi da far rivivere dal vivo, e ora anche su disco. L'universo sonoro della Banda della Posta, presentato in "Primo Ballo", è vario ed elaborato, dalla polka alla mazurka, dalla quadriglia al fox trot. Il "Primo ballo" riporta in vita le più celebri danze e musiche popolari della tradizione italiana e internazionale, legata alle feste e ai principali momenti di aggregazione che scandivano la vita delle piccole comunità.

Dopo l'esordio discografico, la band è pronta a tornare sul palco, accompagnata ancora una volta da Vinicio Capossela: i musicisti saranno protagonisti del concerto conclusivo del festival da loro organizzato, il "Calitrisponzfest", che si terrà a Calitri, in Irpinia, dal 20 al 30 agosto. La rassegna proporrà appuntamenti culturali e musicali legati alla tradizione del matrimonio, storicamente tra le principali occasioni di aggregazione e ballo. "Lo sposalizio è stato il corpo e il pane della comunità, il suo mattone fondante, e veniva consumato con il cibo e con la musica. Questa musica che accompagnava il rito era musica umile, da ballo, adatta ad alleggerire le cannazze di maccheroni e a ‘sponzare’ le camicie bianche, che finivano madide e inzuppate, come i cristiani che le indossavano", racconta Vinicio rendendo appieno l'atmosfera che attenderà tutti i partecipanti.

Guarda il video di "Pryntyl" di Vinicio Capossela

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017