Excite

X Factor, se inedito vuol dire stupido

di Simone Cosimi 

Piatto ricco mi ci ficco. Soprattutto se è un ispiratissimo Gigi D’Alessio a farmi da vate, guida illuminata del divano serale, mio Virgilio della cecagna. Accipicchia se mi ci ficco. Dopo il deleterio Checco Zalone, X Factor ha risollevato il proprio spessore affidandosi alle inimitabili summae del cantautore (?) napoletano, che ho annotato con tanto di appunto scritto. Per la serie: perle ai porci. Da "Mi ricordate il Romanticismo" (riferito alle povere Yavanna) ai "contrappunti di campanellini" argutamente individuati in Sunday Morning passando per un "Ce l’ha il cuore? Eh, anche il fegato!" (molto Totò, indirizzato al rognoso bandito Giuliano) la prima parte della dodicesima puntata è andata via come acqua fresca scortata dalle prime due parti dell'unica supermanche e dalle profonde rivelazioni dell'autore di 6 come sei. Finley e Claudia Gerini non pervenuti. Gli Elii boccata d'aria. Alé, così mi sono tolto il dente degli ospiti in una botta sola. Breve ma intenso.

Dicevo: tanto interessante la coppia iniziale di canzoni quanto deprimente l’inedita chiusura. Le Yavanna perfette in entrambi i pezzi (Meravigliosa creatura e Orinoco Flow), sempre rocciosissimo Giuliano, con tutte le sue sardissime "o" che dovrebbe però cominciare a scardinare, eccellente il predestinato Marco soprattutto in una travolgente Back to Black, speculare a Silver meglio nel secondo pezzo, Un piccolo aiuto, che in un'insipida Sunday Morning.

Gli inediti, però, fanno veramente schifo. Punto, c'è poco da argomentare. Dà anche una certa noia dover spiegare perché e per come all'una di notte: chiunque abbia seguito il percorso dei vari concorrenti comprende al volo che letterale scadimento abbiano costituito i quattro pezzi ascoltati ieri sera. Indecenti prodotti del sottosviluppato sottobosco autorale nostrano. Tanto da mettere in difficoltà i medesimi interpreti, a partire dal povero Silver, autoannichilito dall'ottusità della sua canzoncina e costretto a biascicare mezze giustificazioni per salvare il salvabile di quella che è comunque un'opportunità irripetibile (e Silver non è un cretino). Alla fine Claudia Mori l'ha mandato a casa e non credo, checché ne dicano, che sentiremo più parlare di questo capelluto giovanotto. Per lui una smozzicata filastrocchetta della serie sole, cuore amore. Anzi, Amore 14. I talent show regalano un'enorme popolarità, tanto dirompente quanto effimera: o è buona la prima, o sei morto. Le tre pruriginose sorelle comasche hanno dovuto lottare per metterci qualcosa di loro, in quella maledetta Donna migliore: a parte le somiglianze con la Ricominciamo del povero Pappalardo il pezzo ha la linearità di un parto plurigemellare, se non nell’inciso, appena più gradevole e infatti mezzo scopiazzato. No comment sull'"airone nell'aria" ficcato nel testo (chissà che direbbero quei talebani della Lipu), ma alla fine se la sono giustamente cavata. Per Marco il discorso è ovviamente più complicato: tutto quel che canta diventa oro. Il suo inedito, Dove si vola, è infatti anch'esso poca cosa, ultraclassico nella struttura e di uno spessore medio pari all'intera bibliografia di Federico Moccia e dei Fichi d'India messi insieme. L'unto Mengoni sa però che tasti toccare, e come. A conti fatti, il singolo migliore (e infatti l’ha spedito dritto dritto in finale) è quello di Giuliano: un pezzo molto radiofonico, perfetto per la sua vocalità, un po' Sheril Crow armonicamente parlando. Ma anche qui, niente di nuovo sul(la) fronte occipitale.

Quanto amaro in bocca, però. Nemmeno tre vagoni piombati di giganti meringhe rosa riuscirebbe a farlo scivolare giù. X Factor è infatti un edulcorato microcosmo che cela al suo interno molti pregi ma anche tante miopie del carrozzone musicale e discografico nostrano: (alcuni) bravi produttori e vocal coach che seguono i concorrenti per mesi, salvo poi catapultare i finalisti nel pieno della boscaglia della mestizia commerciale. Che chi guarda impari, almeno. E comunque, diciamocelo: per fortuna è (quasi) finita. E aggiungerei, anche se non c'entra un cazzo: Droga, che fare?

 (foto © LaPresse)

musica.excite.it fa parte del Canale Blogo Entertainment - Excite Network Copyright ©1995 - 2017